Equinozio di primavera: ecco perché si chiama così

Equinozio, dal latino aequinoctium, a sua volta formato da aequus (uguale) e da nox, cioè “notte”, indica il momento in cui il giorno è uguale alla notte. Questo momento cade quest’anno alle ore 10.29 del 20 marzo. In questa giornata la durata del giorno e della notte è la stessa.

L’equinozio è un momento particolare nella fase di rivoluzione della Terra intorno al Sole: in questa giornata i raggi solari cadono perpendicolarmente all’asse di rotazione della Terra. Segna un momento importante nell’avvicendamento delle stagioni: in particolare l’inizio della primavera nel caso dell’equinozio di primavera, e l’inizio dell’autunno nel caso dell’equinozio d’autunno.