Meteo Italia, la situazione: Nord flagellato al maltempo, ultime ore d’inferno africano al Sud

Meteo Italia, il punto della situazione in tempo reale: temperature crollate al Nord, nelle prossime ore caleranno drasticamente anche al Centro/Sud

Meteo – Fresco e maltempo: il caldo anomalo è ormai un lontano ricordo al Nord Italia dove nella giornata di Giovedì 10 Agosto abbiamo avuto piogge torrenziali, soprattutto tra Trentino Alto Adige e Veneto. Tra le località più colpite dai nubifragi abbiamo Tres con 106mm di pioggia, Zambana con 96mm, Spormaggiore 94mm, Dro 90mm, Storo 79mm, Pieve di Bono 76mm, Tiarno di Sopra 75mm, Romeno 73mm, Lavarone 62mm. Tra le principali città, invece, Brescia con 39mm Firenze 33mm, Riccione 28mm, Udine 23mm, Venezia 21mm, Forlì 20mm, Eraclea 19mm, Portogruaro 18mm, Cormons 12mm, Bologna 10mm. Le temperature sono crollate ovunque, e adesso fa molto fresco: a Torino abbiamo addirittura +17°C, a Merano +14°C, a Biella +12°C. Temperature crollate anche al Centro, con Firenze a +22°C dopo una decade di Agosto davvero eccezionale. Sia a Roma che a Firenze, la temperatura media delle temperature massime dal 1° al 10 Agosto è stata di +38°C: mai era successo prima nella storia un periodo così caldo così lungo.

Il caldo, invece, resiste ancora al Centro/Sud ma soltanto per qualche ora. E’ stata un’altra giornata infernale con +42°C a Foggia, +41°C a Siracusa, Cerignola e Rende, +40°C a Matera, Caserta, Benevento, Trapani, Modica, Ostuni e Putignano, +39°C a Catania, Bari, Lecce, Cosenza, Castrovillari, Brindisi, Caltanissetta, Fasano e Jesi, +38°C a Napoli, Taranto, Reggio Calabria, Pescara, Frosinone, Barcellona Pozzo di Gotto, Sciacca, Capo d’Orlando, Gioia del Colle e Guidonia, +37°C a Roma, Perugia, Catanzaro, Potenza, L’Aquila, Enna, Marsala, Mazara del Vallo, Crotone, Martina Franca, Chieti, Avezzano, Avellino e Latina, +36°C a Palermo, Messina, Salerno, Termoli, Vibo Valentia, Corigliano Calabro e Vieste. Adesso le temperature crolleranno anche al meridione.

Al Centro/Sud il crollo termico, compreso tra 8 e 11°C, non provocherà comunque i fenomeni di maltempo estremo che stanno caratterizzando il Nord e soprattutto Friuli Venezia Giulia e Veneto, dove il governatore Luca Zaia ha firmato lo stato di crisi. Oggi una tromba d’aria ha spazzato il litorale adriatico, dalle coste polesane a quelle friulane. Paura nell’isola di Albarella, a Rovigo, dove tre persone sono rimaste ferite e nel pomeriggio era stato lanciato l’allarme per un uomo, inizialmente considerato disperso, inghiottito da un’onda mentre passeggiava sul molo. Secondo quanto riferiscono alle 22.15 i carabinieri di Adria il signore sta bene. Richiesta di soccorso alla guardia costiera anche da parte di tre imbarcazioni. Tra i feriti, di cui alcuni sono turisti, una donna è stata travolta da un albero e portata in ospedale a Treviso, mentre un ferito grave si trova a Mestre. In Friuli Venezia Giulia sono al lavoro 190 volontari e 50 automezzi della protezione civile: qui le forti raffiche di vento hanno causato interruzioni alle linee elettriche, alla viabilità stradale e ferroviaria. Sempre il maltempo ha causato, un po’ più a sud, la chiusura provvisoria della strada statale 309 ‘Romea’ tra il km 16 e il km 18, in prossimità di Casal Borsetti (Ravenna), per alberi caduti sulla carreggiata.La situazione è particolarmente critica in Veneto, nelle aree delle spiagge e dei campeggi di Cavallino, Jesolo e Caorle, affollati in questi giorni di vacanza: la forza del vento ha divelto strutture mobili, tende ed alberi, distruggendo auto e mezzi. Le autoambulanze della centrale operative di Urgenza ed emergenza dell’Ulss 4 stanno facendo la spola tra i campeggi per soccorrere i feriti e l’elicottero del Suem sta monitorando dall’alto. Lungo via Fausta a Cavallino ci sono veicoli rovesciati, alberi divelti, bungalow, strutture mobili a pezzi e serre devastate. Una quindicina i feriti lievi già soccorsi dalle autoambulanze sul posto: sono tutti turisti.La centrale operativa del 118 dell’Azienda Ulss 5 Polesana ha messo in campo tutti i propri automezzi e 25 professionisti tra medici e sanitari in stretta collaborazione con le forze dell’ordine e i vigili del fuoco. Una casa è andata in fiamme a Rivà di Ariano: gli occupanti sono scappati e non ci sono state vittime. A Porto Viro è stato abbattuto un traliccio di Terna. A Portogruaro invece la forza del vento ha divelto la copertura di un supermercato. Lungo la statale Romea alcuni automezzi in movimento sono stati rovesciati ai bordi della strada.Il presidente della Regione Veneto sta seguendo la situazione e l’evolversi dei soccorsi, in contatto costante con il coordinamento del Suem 118 e con la centrale della protezione civile regionale. Lo stato di crisi rimarrà aperto nei prossimi giorni per consentire ai comuni di stendere un esatto censimento dei danni. Domani mattina Zoia visiterà le zone più colpite dal maltempo, in particolare nei campeggi di Cavallino e in altre zone del litorale.

Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: