Allarme tempesta tropicale in Thailandia: “Tutte le isole saranno colpite perché Pabuk è enorme”. Arrivati forti venti, piogge e onde di 5 metri [FOTO e VIDEO]

Emergenza in Thailandia: "Tutte le isole turistiche nel Golfo della Thailandia saranno colpite perché Pabuk è enorme", spiegano le autorità

La tempesta tropicale Pabuk sta sferzando la Thailandia meridionale con vento e pioggia in quella che potrebbe essere la peggior tempesta a colpire l’area in 30 anni. Pabuk ha toccato terra alle 12:45 (ora locale), causando il crollo di alberi sulle abitazioni nella provincia di Nakhon Si Thammarat e si sta facendo strada nel sud del Paese a circa 19km/h, colpendo popolari siti turistici. Migliaia di persone hanno abbandonato le isole di Koh Samui, Koh Tao e Koh Phangan.

L’occhio della tempesta tropicale sta passando su Nakhon Si Thammarat, come mostra il video in fondo all’articolo e le immagini della gallery in alto. Pabuk dovrebbe indebolirsi in una depressione tropicale sulla provincia di Surat Thani. “Ma tutte le isole turistiche nel Golfo della Thailandia, incluse Koh Samui, Koh Phangna, Koh Tao, saranno colpite perché Pabuk è enorme”, ha dichiarato Phuwieng Prakhammintara, direttore del dipartimento di meteorologia. La tempesta ha portato venti massimi di 75km/h, che potrebbero raggiungere la velocità di 95km/h. Venti di questa intensità, a loro volta, potrebbero creare onde di 3-5 metri di altezza.

Un pescatore è morto nella provincia di Pattani, vicino al confine con la Malesia, a causa delle onde che hanno rovesciato l’imbarcazione su cui si trovava. Un altro uomo che era a bordo risulta disperso. Nel distretto di Pak Phanang nella provincia di Nakhon Si Thammarat, padre e figlio hanno raccolto i beni più importanti e hanno abbandonato l’area, quando il tetto della loro abitazione era già danneggiato. Le autorità hanno aiutato i pescatori a spostare le barche dalla spiaggia, già colpita da forti onde. “Non si può stare qui. Sarà tutto raso al suolo. Ad ogni monsone, i ristoranti sulla spiaggia qui in zona vengono danneggiati ogni anno. Ma questa volta, è in arrivo una tempesta tropicale. Non resterà più niente”, ha dichiarato Dahloh Bin Samah, autorità locale. I turisti bloccati su Koh Samui hanno riferito che l’isola sta ricevendo forti piogge, venti e onde alte e che si sono verificati brevi blackout.

Due aeroporti chiave, quello di Nakhon Si Thammarat e quello di Koh Samui, sono rimasti chiusi e la Bangkok Airways ha annunciato la cancellazione di tutti i voli da e per Koh Samui per “ragioni di sicurezza”. I servizi dei traghetti sono stati sospesi. Nel distretto di Thasala (Nakhon Si Thammarat), la tempesta ha danneggiato un rifugio allestito dallo stato in cui si trovavano 1.000 persone, che sono state sistemate nella palestra di un’università. Le autorità hanno esortato tutti a stare in casa dopo le 16 (ora locale) fino alla mattina di domani, 5 gennaio. Due piattaforme di produzione di gas naturale nel Golfo della Thailandia che si trovano direttamente sul percorso della tempesta hanno sospeso le operazioni e fatto evacuare il personale.

Il dipartimento di meteorologia ha dichiarato che la tempesta colpirà il sud del Paese per giorni e che “in gran parte dell’area saranno possibili precipitazioni diffuse, piogge torrenziali” e conseguenti alluvioni lampo. Nonostante le tempeste siano comuni nel Golfo della Thailandia in questo periodo dell’anno, Pabuk è considerata la peggiore degli ultimi decenni a colpire nel picco del periodo delle vacanze. In passato, le tempeste tropicali hanno ucciso centinaia di persone ma le autorità dichiarano di essere ben preparate e in grado di affrontare l’atteso aumento del livello del mare fino a 5 metri. L’ultima grande tempesta, il tifone Gay, ha colpito nel 1989, facendo centinaia di vittime. L’ultima tempesta tropicale ad abbattersi sullo stato, invece, è stata Harriet, che nel 1962 ha colpito 12 province e spezzato 900 vite.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...