Alluvione Barcellona, Nania chiede lo “stato d’emergenza”

”E’ necessario che il Consiglio dei Ministri pronunci immediatamente lo stato d’emergenza a seguito degli eventi calamitosi che hanno interessato Barcellona Pozzo di Gotto e altri comuni della piana di Milazzo, deliberando la sospensione di tutti i termini legali e che di conseguenza il Ministero dell’Economia decreti la sospensione immediata dei termini per l’adempimento degli obblighi tributari a favore dei contribuenti interessati da questi eventi eccezionali e imprevedibili, cosi’ come stabilito per legge”. Cosi’ il vice Presidente del Senato, Domenico Nania, che ha annullato ogni iniziativa politica, rimanendo sui luoghi interessati dall’alluvione. ”Mi auguro, che, cosi’ come per l’alluvione di Genova e dei territori colpiti nelle scorse settimane al nord, si attivino molte iniziative di solidarieta’ da parte dei mezzi di comunicazione anche per tutti i territori del messinese interessati dall’alluvione del 21 novembre. Auspico, ricorrendone i presupposti, che i Comuni interessati possano usufruire dei finanziamenti gia’ disposti per le precedenti alluvioni del messinese, aumentando di quanto necessario i fondi destinati alla messa in sicurezza idrogeologica dei luoghi e al ristoro dei danni subiti dalla popolazione. Alle famiglie delle vittime della frana di Saponara – conclude Nania -, esprimo tutta la mia piu’ sentita solidarieta’. Un grazie ai volontari che sono all’opera, giunti da tutti i comuni della zona, al Prefetto e a tutti i corpi della protezione civile e della polizia che sono intervenuti immediatamente sui luoghi”.