Allerta neve a Firenze, polemiche sull’ordinanza di catene a bordo firmata dal sindaco

MeteoWeb

L’idea di viaggiare per tutto l’anno con catene a bordo e’ culturalmente buona, nell’ottica di una politica di sicurezza stradale responsabile da parte dei cittadini, ma l’ordinanza con cui si inserisce l’obbligo a 24 ore dalle previste nevicate e’ tardiva, intempestiva, e un segno della debolezza della macchina organizzativa comunale“. Cosi’ il Pdl, tramite il vice capogruppo Stefano Alessandri e il capogruppo Marco Stella in Palazzo Vecchio, commentano l’ordinanza del sindaco Matteo Renzi a fronte dell’allerta meteo. ”Il fatto stesso di utilizzare il mezzo dell’ordinanza ci lascia molto perplessi – hanno aggiunto i due consiglieri comunali del Pdl -. L’ordinanza puo’ avere un senso per le strade provinciali, ma a livello comunale non e’ stata utilizzata neppure da Aosta. In questo modo si delega ai cittadini la soluzione di un problema di cui deve invece farsi carico l’amministrazione, provvedendo allo spargimento di sale e operando nelle strade coi mezzi a sua disposizione. I cittadini pagano le tasse per vedersi garantiti questi servizi, perche’ dovrebbero oggi correre ad acquistare catene che, visti i tempi della decisione, potrebbero rivelarsi introvabili? E perche’, se questa era l’idea dell’amministrazione, non si sono informati per tempo i cittadini? Non si tratta forse di un modo per tappare le falle di un’organizzazione che gia’ si sa che non funzionera’?