Flare solare catturato dal Solar Dynamics Observatory

MeteoWeb
La nostra stella

Il Solar Dynamics Observatory della NASA ha registrato l’ennesimo brillamento solare di questi giorni, esploso nella serata di ieri alle 19:37 (ora italiana) e registrato nell’estremo ultravioletto. Il brillamento di classe X2, quindi molto intenso, si è verificato dalla macchia solare 1402 (la stessa che ha generato la violenta tempesta solare all’inizio di questa settimana), in rotazione sul lato opposto del Sole, e quindi non rivolta verso la Terra. Tuttavia, protoni energetici accelerati dall’esplosione circondano il nostro pianeta, ed è in corso una tempesta di radiazioni di classe S2. L’esplosione ha anche prodotto una spettacolare espulsione di massa coronale (CME), e un video del Solar and Heliospheric Observatory, mostra la nube espulsa dalla nostra stella in viaggio a 2500 Km/s. Secondo quanto hanno riferito gli analisti presso il laboratorio di meteorologia spaziale a Goddard, la nube raggiungerà i pressi del nostro pianeta intorno al 30-31 Gennaio, ma non ci colpirà. Non bisogna sorprendersi di questa dinamicità offerta dalla nostra stella, in procinto di raggiungere il picco massimo della sua attività undecennale probabilmente già nel 2013.