Freddo e neve in arrivo al centro/sud: le Regioni più colpite saranno Molise, Puglia e Basilicata

MeteoWeb
In "rosso" le Regioni che partono in "pole position" in vista dell'ormai imminente irruzione fredda proveniente da nord/est: Molise, Puglia e Basilicata. Segue la Calabria, mentre Marche, Abruzzo, Campania e Sicilia saranno interessate in modo meno diretto dall'instabilità. Al centro/nord, invece, sole pieno e venti di favonio in pianura Padana, con nuove nevicate fin a bassissima quota nei versanti esteri delle Alpi

Abbiamo già parlato dell’imminente arrivo di freddo e neve nelle Regioni dell’Italia centro/meridionale; è giunto adesso il momento di entrare meglio nel dettaglio previsionale e individuare quelle che saranno le aree maggiormente colpite dalle rigide temperature e dal maltempo.
Rispetto ai precedenti peggioramenti di questa stagione, che hanno sempre “preferito” il centro/sud rispetto a un territorio dell’Italia centro/settentrionale in cui è sempre più grave l’emergenza-siccità a causa di un lunghissimo periodo con netti deficit idrici, stavolta le Regioni più colpite dai fenomeni precipitativi saranno il Molise, la Puglia e la Basilicata. Nei precedenti peggioramenti, tra la seconda metà di dicembre e la prima metà di gennaio, aveva nevicato di più in Abruzzo, solo in alcune zone del Molise, nelle zone interne della Campania e poi all’estremo sud, in Calabria e soprattutto nella Sicilia settentrionale. Stavolta, invece, queste Regioni – pur essendo interessate dal maltempo – non dovrebbero vedere le precipitazioni di Molise, Puglia e Basilicata.
Bisogna sottolineare, comunque, in premessa, che queste previsioni così dettagliate non vanno prese alla lettera perchè richiedono un grande sforzo previsionale e risultano estremamente rischiose alla luce della delicata affidabilità; pur mancando poche ore all’evento, infatti, un eventuale spostamento del centro di bassa pressione pochi chilometri più a est, ovest, nord o sud potrebbe compromettere tale previsioni ribaltando la situazione a sfavore delle aree che adesso sembrano più colpite, rispetto ad altre. Dopotutto alla luce degli attuali scenari illustrati dai centri di calcolo, senza ombra di dubbio tra domani sera e mercoledì il maltempo si accanirà in modo concentrato proprio su Molise, Puglia e Basilicata dove nella giornata di mercoledì dovremmo avere abbondanti precipitazioni nevose localmente temporalesche, a partire dai 100/200 metri di quota in Molise (dove non sono da escludere dei rovesci di neve fin su coste e pianure), dai 200/300 metri in Basilicata e Puglia centro/settentrionale (ma anche sul Gargano potrebbe nevicare sin dalle coste e dalle pianure!), e dai 300/400 metri in sù nella Puglia centro/meridionale. Anche altre Regioni saranno interessate dal maltempo, come le Marche meridionali, l’Abruzzo (tra Ascolano, Pescarese, Teramano e Chietino potrebbero verificarsi rovesci di neve o simil-neve fin sulle coste), le zone interne e meridionali della Campania, un pò tutta la Calabria e la Sicilia settentrionale e orientale (ma in Aspromonte e Sicilia difficilmente la quota neve scenderà sotto i 500/600 metri mentre sulla Sila potrebbe nevicare dai 300/400 metri in sù), ma i fenomeni in tutte queste aree dovrebbero essere meno intensi o significativi, e comunque non in concomitanza con la fase più fredda dell’irruzione quando oltre alle tre Regioni che consideriamo in “pole position”, solo la Calabria dovrebbe avere dei fenomeni d’instabilità sparsi però a macchia di leopardo, quindi di difficilissima localizzazione.
Le nevicate più abbondanti ce le aspettiamo tra il Molise, il Gargano e l’Appennino Dauno, dove anche nella bassa collina potrebbero esserci accumuli abbondanti. Ma stavolta nevicherà bene anche sulle Murge e in Basilicata, fin sul Pollino. I venti saranno settentrionali nel basso Adriatico, nord/occidentali sul basso Tirreno e nello Jonio e dalle correnti dipenderà proprio l’entità delle precipitazioni nelle varie aree geografiche.
Rispetto a quanto già scritto, solo il nowcasting, da domani, potrà aiutarci a individuare meglio l’evoluzione di quest’irruzione ormai imminente: sin dalla mattinata, andando a “leggere” l’arrivo frontale del freddo nell’Adriatico settentrionale con il suo ingresso nel territorio Italiano dalla porta della bora, potremo capire gli effetti sul territorio di questo nuovo peggioramento.
Per monitorare la situazione in tempo reale vi consigliamo le nostre pagine della diretta meteo: satelliti, situazione, fulminazioni, radar e webcam. Inviateci foto, video e segnalazioni all’indirizzo di posta info@meteoweb.it.