Il problema etico dei rifiuti spaziali

MeteoWeb

Il rientro incontrollato della sonda russa pone al centro dell’attenzione il problema dei detriti spaziali. Si tratta di una quantità enorme di oggetti che va dalle dimensioni di un bullone a quella, appunto di un satellite o degli altri oggetti romai inutilizzati o inutilizzabili. Il problema sta soprattutto nella distanza a cui orbitano dalla Terra. Minore è la distanza, minore è anche il tempo in cui rientreranno nell’atmosfera. Il problema però è triplice, a mio avviso. Un problema riguarda la sicurezza delle future missioni spaziali, dato che già è avvenuta la collisione tra un satellite non operativo e uno in funzione. Il secondo problema è che in un certo senso, se ci sia o meno qualcun’altro nel Cosmo, il biglietto da visita certamente rappresenta bene una razza che sta distruggendo a grande velocità ciò che ha e che, indipendentemente dall’esistenza di altre forme di vita, dovrebbe imparare a rispettare, anche se unico giudice possibile delle proprie azioni. Il terzo problema riguarda la sicurezza. Sappiamo già che la Terra viene a contatto con una quantità incalcolabile di detriti naturali, e che esiste la possibilità che un asteroide o una cometa cadano sulla Terra. Ma qualcuno ci ha chiesto o qualcuno ha il diritto di farci accettare che le missioni spaziali, magari a scopo di spionaggio e con budget insufficienti a garantire ogni misura di sicurezza, possano rappresentare un pericolo? I rischi che lo Spazio ci riserva sono una cosa che fa parte dell’essere su questo Pianeta, un Pianeta cosparso di immondizia spaziale che aspetta di cadere in qualche posto a caso dobbiamo accettarlo in nome di cosa?