Incidente Concordia, al Giglio è arrivato il catamarano idrografico ‘Galatea’ per le ricerche sui fondali

MeteoWeb

Una nave della Marina militare, il catamarano idrografico ‘Galatea’, e’ arrivata oggi all’isola del Giglio per contribuire, grazie alle sofisticate apparecchiature di ultima generazione in dotazione, alle indagini e ricerche sul fondale marino nel tratto di mare che ha visto il naufragio della Costa Concordia. Il comandante della nave e’ il tenente di Vascello Nicola Marco Pizzeghello. La ‘Galatea’, specializzato per ricerche e rilievi idrografici, imbarca 31 persone di equipaggio. La zona oggetto delle ricerche della nave oceanografica ‘Galatea’ della Marina Militare e’ quella prospiciente la zona costiera dove e’ avvenuto il naufragio della nave Costa ‘Concordia’. E’ stata individuata sulla base delle condizioni meteo-marine presenti nella notte del naufragio. Uno speciale sonar segnalera’ eventuali anomalie presenti sul fondale. Il comando di bordo decidera’ quindi di investigare con robot subacquei o un’immersione dei reparti specializzati. Il sistema di soccorso e’ condiviso con Vigili del Fuoco e Capitaneria di porto. Ciascuna forza operativa e’ responsabile dell’investigazione della zona di mare che gli e’ stata assegnata.