Incidente “Costa Concordia”, al comandante è contestato anche l’abbandono della nave

MeteoWeb

I reati contestati al comandante della Costa Concordia Francesco Schettino, che e’ in stato di fermo, e al primo ufficiale in plancia, Ciro Ambrosio, sono omicidio colposo plurimo, naufragio e abbandono della nave mentre c’erano ancora molti passeggeri da trarre in salvo. Secondo quanto risulta agli inquirenti, infatti, il comandante, 52 anni originario di Napoli, gia’ verso le 23:30 avrebbe lasciato la nave. A quell’ora pero’ ancora gran parte degli ospiti e dell’equipaggio stava ancora aspettando di essere evacuata. Gli ultimi a lasciare la Costa Concordia lo hanno fatto non prima delle 2,30-3:00 della notte scorsa.