Incidente Costa Concordia, Clini: “rischio ambientale altissimo, dobbiamo fare presto”

MeteoWeb

Il rischio ambientale per l’isola del Giglio e’ altissimo, l’obbiettivo e’ quello di evitare che il carburante esca dalla nave e stiamo lavorando su questo“. Lo ha detto il ministro dell’ambiente, Corrado Clini, questa mattina a margine di un evento in piazza del Campidoglio, parlando del rischio ambientale relativo al carburante stivato nella Costa Concordia. “Non e’ stato calcolato il tempo” entro il quale dover risolvere la situazione “ma abbiamo il senso dell’urgenza: bisogna fare in fretta“, ha aggiunto il ministro, “anche perche’ se cambiano le condizioni meteo-climatiche potremmo trovarci in una situazione diversa e con rischio grave per la tenuta dello scafo. Stiamo cercando di fare molto in fretta – ha concluso – tenendo conto che e’ probabile che ci siano ancora delle vite umane da salvare“.
L’area interessata dal possibile rischio ambientale ”dipende dalle correnti: sicuramente l’Isola del Giglio, probabilmente l’intero arcipelago, forse la costa. Dipende da come si muove il mare” ha aggiunto il ministro.