Incidente Costa Concordia, i racconti dei superstiti: “equipaggio efficiente ma troppo panico”

MeteoWeb

”Il personale della nave e’ stato efficiente ma gestire la situazione non era facile, c’era troppo panico”. Questo il racconto alla trasmissione ‘Mattino Cinque’ della giornalista Adn Kronos Patrizia Perilli e di suo marito Luciano Castro che erano a bordo della Costa Concordia. “Quando c’e’ stato l’incidente – racconta Luciano Castro – eravamo al ristorante: ad un certo punto abbiamo sentito un boato e la luce e’ andata via solo per pochi secondi ma questo e’stato sufficiente per far vuotare la sala. Quando si sono riaccese le luci intorno a noi non c’era quasi piu’ nessuno, se non dei camerieri inebetiti e una coppia, seduta accanto al nostro tavolo: lei era incinta, aveva una crisi di panico e respirava a fatica. Mentre mia moglie ha cercato di tranquillizzarla”. ”Poi siamo usciti – continua Castro – e il personale ci ha dato due salvagenti perche’ non potevamo tornare in cabina a prendere i nostri. Il personale era gia’ accanto alle scialuppe e ci ha aiutato ad entrare, cosa non facile in quella situazione con la gente che urlava. Noi eravamo sulla scialuppa numero 14 e i passeggeri spingevano, si buttavano sulla scialuppa in preda a crisi di panico; anche il personale diceva che non c’era piu’ posto. Addirittura – conclude – l’equipaggio ha dovuto usare l’accetta per liberare la scialuppa e farla scendere in mare”.