La situazione meteo: il “peggioramento del weekend” è un flop totale, solo un pò di vento e deboli piogge al centro/sud. Tanta neve sulle Alpi settentrionali, foehn al nord/ovest e ancora gelo al nord/est

    /
    MeteoWeb
    L'attuale situazione meteo in Italia vista dal satellite

    Il “famigerato” peggioramento del fine settimana è ormai in atto sull’Italia ma, come abbiamo già previsto nei nostri precedenti bollettini, sarà un nulla di fatto o quasi. In questa situazione previsionale viziata degli errori di inizializzazione dei dati delle boe Atlantiche che stanno compromettendo la validità dei principali modelli matematici, assistiamo a continui ribaltoni anche nel breve e nel brevissimo termine, ma ormai siamo nel nowcasting e possiamo dire con grande affidabilità quale sarà l’evoluzione del weekend.
    Il peggioramento è stato decisamente smorzato e sarà un flop totale. Tra oggi pomeriggio e domattina ci sarà qualche disturbo al centro/sud, ma si tratterà di precipitazioni deboli, con temperature in aumentoe neve solo sui rilievi oltre i 1.300/1.400 metri, dove dopotutto ci saranno solo sottili imbiancate e non certo accumuli significativi. Poi tornerà a splendere il sole, e le temperature schizzeranno ben al di sopra delle medie del periodo in un pò tutto il nostro Paese.
    L’unico elemento significativo di queste ore sono le abbondanti nevicate che stanno interessando, ancora una volta, i versanti settentrionali dell’arco Alpino con qualche epispodio da “sfondamento” nei settori più vicini al confine con i Paesi esteri. Stamattina, infatti, sta già nevicando sull’arco Alpino e le precipitazioni si intensificheranno nel pomeriggio/sera, con nuovi abbondanti accumuli oltre i 500/600 metri soprattutto in Austria e Svizzera. In Italia la situazione sta cambiando rapidamente. In Piemonte sta già soffiando un forte favonio che ha portato Torino già a +17°C alle 11:00 di stamattina, e il gelo con galaverna dei giorni scorsi è già un lontano ricordo. Caldo anche a Malpensa, già a +8°C, mentre nelle zone più orientali della pianura Padana resiste la nebbia con inversione termica che mantiene le temperature su valori davvero polari, infatti sempre alle 11:00 Parma, Ferrara e Bologna erano a -2°C, Venezia, Ravenna, Treviso, Verona e Brescia a 0°C. La pianura Padana si conferma un’area geografica dal clima molto molto interessante, basti pensare alla distanza tra Torino e Parma e agli attuali 19°C di differenza tra le due città che non hanno differenze orografiche, una situazione unica al mondo…
    Al centro/sud, ovviamente, la situazione è diversa. Soffiano moderati venti di libeccio con bel tempo e temperature miti nelle Regioni Adriatiche, dove splende il sole con +16°C ad Ancona e Pescara, +15°C a Bari, Taranto e Termoli, +14°C a Foggia mentre invece nelle zone Tirreniche il tempo è umido, uggioso, con cielo coperto e deboli piogge. Ovviamente anche le temperature sono più basse: +9°C a Firenze, Rieti e Perugia, +10°C a Viterbo, +13°C a Roma, +14°C a Napoli. Molte nubi anche tra Sardegna, Sicilia e Calabria con +15°C a Cagliari, Olbia, Messina e Catania, +14°C a Palermo, Trapani, Alghero e Reggio Calabria.
    Nelle prossime ore le temperature aumenteranno ulteriormente, non solo nella giornata odierna ma anche nel weekend. Il peggioramento, infatti, è legato proprio a questa debole instabilità nelle zone Tirreniche che si concentrerà nel basso Tirreno oggi pomeriggio e stasera, e in genere domattina al sud con qualche pioggia tra Puglia e Molise, ma senza fenomeni significativi. L’unico elemento importante, oltre alle nevicate sul nord delle Alpi di cui abbiamo già parlato, sarà un pò di forte vento tra Sardegna, Sicilia e basso Tirreno. E proprio ai venti dedichiamo le mappe della Galleria di quest’articolo, con le previsioni dei venti (intensità e direzione) tra oggi pomeriggio e domani in tarda mattinata. Anche perchè poi domenica, nonostante qualche nube sparsa, il tempo sarà buono, mite e tranquillo.