L’inquinamento del mare costa all’Unione Europea 320 milioni di euro l’anno

MeteoWeb

Una gestione sostenibile del mare potrebbe far risparmiare alla sola Unione Europea 320 miliardi di euro l’anno dovuti ai danni da inquinamento. Lo afferma un rapporto dell’Unep, l’agenzia Onu per l’ambiente, secondo cui una gestione ecosostenibile delle risorse ripagherebbe ampiamente degli investimenti e potrebbe risollevare l’economia. Il 40% della popolazione globale, sottolinea il rapporto, vive a meno di 100 chilometri dal mare, ma l’impatto umano sta minando la salute e la produttivita’ degli oceani. Ad esempio il 20% delle mangrovie del mondo sono state distrutte, e il 60% delle barriere coralline sono in pericolo immediato: “Gli oceani sono basilari per molti paesi nella lotta alla poverta’, ma sono anche sottoposti a una pressione senza precedenti – spiega Achim Steiner, direttore dell’Unep – aumentare gli investimenti per lo sviluppo ecosostenibile e’ essenziale”. Il documento affronta tutti i settori dell’economia legati ai mari. Uno dei problemi peggiori, che solo nell’Ue costa 320 miliardi di euro l’anno, e’ proprio quello dell’inquinamento dovuto a fertilizzanti, alla base anche delle piu’ di 400 zone morte che ormai si registrano nel pianeta, diverse delle quali anche in Italia: “Con una gestione migliore dei fertilizzanti associata al riciclo – spiega il rapporto – i benefici sarebbero molto maggiori dei costi”. Tra gli settori da sviluppare ci sono le energie pulite legate al mare, dall’eolico off shore allo sfruttamento delle maree, che avrebbero un potenziale superiore al fabbisogno elettrico del pianeta, ma anche lo sfruttamento dei minerali sottomarini, che potrebbe se fatto in maniera sostenibile spingere l’economia di molti paesi emergenti, e il turismo. Anche la pesca andrebbe regolata, visto che ora il 30% dello stock ittico mondiale e’ sovrasfruttato, mentre il problema principale legato al trasporto marittimo e’ l’introduzione accidentale di specie aliene negli habitat, che costa 100 miliardi di dollari l’anno.