Massa Carrara, studenti protestano al tecnico industriale: non c’è un piano d’evacuazione per i terremoti

MeteoWeb

Vigili del fuoco e tecnici della provincia di Massa Carrara sono tornati questa mattina all’Istituto tecnico industriale Meucci di Massa, allertati dai rappresentanti degli studenti, che entrando a scuola dopo la scossa di terremoto di venerdi’ scorso, hanno trovato le uscite di sicurezza chiuse con i catenacci. Le uscite di sicurezza erano state chiuse per lavori di ristrutturazione diversi mesi fa, ma i ragazzi pensavano che a seguito del terremoto le avrebbero trovate aperte. I vigili del fuoco hanno effettuato un sopralluogo nell’edificio, che era stato tra i primi controllati sabato scorso a seguito del terremoto. Il preside aspetta una relazione dettagliata ma pare che l’istituto non sia in sicurezza. Un rappresentante di istituto che ha accompagnato i vigili racconta di aver fatto notare la mancanza di estintori, di uscite di sicurezza e di un piano di evacuazione adeguato per circa 800 studenti. Gli alunni entrando in classe hanno trovato crepe e muri sgretolati. Una trave di controsoffitto si e’ staccata finendo in testa ad uno studente, senza conseguenze. Per paura i ragazzi sono usciti dalla scuola, organizzando una assemblea nel cortile. Il preside Giovanni Perfetti ha dichiarato di aver avuto l’ok dai tecnici della provincia a continuare le lezioni. I ragazzi pero’ hanno deciso di non rientrare in classe.