Milano, smog: lettera del Sindaco ai 700mila cittadini dell’area “C”

MeteoWeb

Sono settecentomila i milanesi che a partire da oggi riceveranno la lettera che il sindaco Giuliano Pisapia ha deciso di scrivere per spiegare cos’e’ ‘Area C’, cioe’ il ticket di ingresso a cinque euro nel centro citta’ che dovranno pagare quasi tutte le auto dal 16 gennaio. ”C come centro, C come congestion” ovvero traffico, spiega il sindaco nella sua lettera dicendo che questo e’ il primo passo per ”rendere concreta”’ la volonta’ di chi ha votato si’ ai referendum dello scorso giugno. ”Trasformare Milano nella citta’ che vogliamo – sottolinea Pisapianon e’ una strada facile, richiede a tutti noi di cambiare abitudini e sappiamo quanto sia difficile farlo”. Dalle 7,30 alle 19,30 l’ingresso nella cerchia dei bastioni sara’ vietato alle auto benzina non catalitiche e ai diesel euro 0, 1, 2, 3 e a tutti i mezzi piu’ lunghi di 7 metri, gli altri pagheranno un ticket di 5 euro con l’esclusione delle vetture elettriche, di moto e motorini e – fino alla fine del 2012 – ibride, bifuel metano e gpl che avranno accesso gratuito. Fino alla fine dell’anno potranno entrare a pagamento le diesel euro 3 di chi e’ residente, domiciliato o ha comunque un box in centro. E in generale, chi vive nella cerchia dei bastioni o ha un garage in zona avra’ 40 ingressi gratuiti e poi potra’ entrare a 2 anziche’ 5 euro. Pisapia assicura che questo provvedimento si accompagna al potenziamento del trasporto pubblico. Tutti i soldi che arriveranno nelle casse del Comune con il ticket serviranno a migliorare il trasporto pubblico, bike sharing e piste ciclabili. ”Il ticket – ribadisce – vuole spingerci a cambiare abitudini per il bene di tutti noi”. Il sindaco ricorda che a Stoccolma ha ridotto del 20% l’uso delle auto, a Copenaghen il 36% degli abitanti si sposta in bici, mentre a Londra la congestion charge ”ha portato benefici anche ai commercianti”. ”L’obiettivo – aggiunge Pisapiae’ ambizioso: ridurre in modo significativo, tra il 20 e il 30% – il traffico privato”. ”Anche Milano e i milanesi – conclude – possono vincere questa sfida, per costruire una quotidianita’ piu’ serena e sostenibile per tutti. Lo faremo insieme, per questa citta’ che amiamo”.