Previsioni Meteo: febbraio inizia col botto? L’anticiclone russo-siberiano prova a spingere il gelido burian proprio sull’Italia!

MeteoWeb
Le Ensemble per la mattina del 3 febbraio: l'Italia sarebbe nella morsa di un'ondata di freddo davvero eccezionale!

Gli ultimi aggiornamenti di tutti i principali centri di calcolo hanno confermato al 100% la configurazione barica che si sta venendo a strutturare sullo scacchiere europeo, con un poderoso anticiclone Russo-Siberiano che andrà a formare il famigerato ponte di Weijkoff con il suo collega delle Azzorre mentre una saccatura nord Atlantica riuscirà a passare tra i due potenti anticicloni raggiungendo il Mediterraneo occidentale; secondo le ultime proiezioni, l’affondo dovrebbe essere un pò più occidentale rispetto alle precedenti previsioni, tanto quanto basta per far “saltare” le abbondanti nevicate previste in pianura Padana, almeno tra Emilia Romagna e nord/est, mentre in Piemonte e al nord/ovest in genere sono confermate precipitazioni nevose fin a bassissima quota nel fine settimana. Ma su quesi dettagli è bene aspettare ancora, perchè la situazione potrebbe nuovamente cambiare.
Ma, come dicevamo, la configurazione è confermata in toto: la saccatura nord Atlantica andrà in cut/off proprio tra l’Italia e la Spagna, nel Mediterraneo centro/occidentale, in concomitanza con la risalita di una goccia fredda di origine Iberica dal deserto Libico, dove sta arrivando in queste ore, portando freddo e nuove precipitazioni nel deserto del Sahara. Per l’Italia, quindi, si sta per aprire una fase straordinariamente piovosa specie nelle Regioni del sud, tra Sardegna, Sicilia e Calabria in modo particolare ma anche in altre Regioni della penisola, specie dall’Appennino Tosco/Emiliano in giù. La posizione dell’anticiclone Russo-Siberiano garantirebbe un continuo flusso d’aria fredda proveniente da nord/est, e così proprio intorno all’Italia potrebbero nascere continui vortici depressionari in grado di alimentare il maltempo. Solo uno-due giorni prima di ogni evento perturbato potremo essere in grado di sciogliere la prognosi, quindi non possiamo ancora adesso sentenziare una previsione precisa su ciò che accadrà.

Lo zoom della mappa Ensemble sull'Italia: che temperature!

Ma per questo c’è tempo; è bene al momento segnalare un’interessantissima evoluzione a lungo termine, con il possibile arrivo del vero burian Siberiano proprio sull’Italia. Le mappe dell’ultimo aggiornamento di Gfs, supportate dalle Ens, sono davvero eloquenti. Dopo moltissimo tempo, il gelo delle steppe orientali arriverebbe in modo diretto sul nostro Paese proprio nei primi giorni di febbraio.
Carta straccia? Probabilmente. Siamo a lungo termine e le mappe cambieranno ancora; solo quando riusciremo a percepire l’evoluzione successiva della tendenza, potremo concentrarci meglio sulle previsioni per l’inizio del prossimo mese. Ma una cosa è certa: stiamo assistendo all’anticiclone Russo-Siberiano più significativo degli ultimi decenni, e quello che gli appassionati amano chiamare “Orso” proverà in tutti i modi a spingere masse d’aria gelide verso il nostro Paese. Se ci riuscirà o meno dipenderà molto dal mite flusso Atlantico, che come al solito proverà a metterci lo zampino mandando in fumo i sogni di migliaia di amanti di freddo e neve.
Nei prossimi giorni scopriremo come andrà …

Anche Gfs è di quest'avviso