Previsioni Meteo, Giuliacci: “tante perturbazioni, freddo e neve specie al centro/sud”

MeteoWeb

Il meteorologo Mario Giuliacci ha pubblicato sul suo nuovo sito la tendenza meteo per la prima metà del mese di gennaio, spiegando che “la caratteristica più rilevante del periodo sarà l’insistenza sulla penisola di forti correnti settentrionali di origine Nord atlantica” che “scorreranno lungo il bordo orientale di un’alta pressione quasi costantemente protesa dal Medio Atlantico verso le Isole Britanniche o verso la Scandinavia”, come si può vedere dall’illustrazione tratta proprio dal sito del noto meteorologo. Una prima perturbazione ha già raggiunto oggi la penisola al centro/nord, ne abbiamo già parlato pochi minuti fa: si intensificherà nel pomeriggio/sera proprio al centro/nord e domani colpirà il sud, seppur con temperature miti e con neve solo in montagna. Mercoledì, secondo Giuliacci, un’altra perturbazione darà luogo a piogge soprattutto sulle regioni centrali. Giovedì una terza perturbazione porterà un pò di nuvole ovunque e qualche pioggia al Sud, mentre il giorno dell’Epifania la medesima perturbazione insisterà sull’Italia con precipitazioni al Sud. Per quanto riguarda le temperature, resteranno miti fino al 5 gennaio ma tra il 6 e l’8 di gennaio è prevista una moderata ondata di freddo su tutta la penisola. Ma ecco in sintesi gli eventi considerati “salienti” per la prima quindicina di gennaio dal meteorologo Giuliacci:

  • Freddo – Temperature al di sotto della media tra il 7 e il 12 gennaio.
  • Piogge – Sono previsti 4 episodi piovosi: uno dal 2 al 3 gennaio, con piogge dapprima al Centronord e poi sulle regioni adriatiche e al Sud; un secondo episodio, dal 4 al 6 gennaio, con piogge limatate al Centrosud; terzo episodio piovoso dall’8 al 9 gennaio, ancora con piogge solo al Centrosud; infine un altro evento piovoso dal 13 al 14 gennaio, ancora con piogge soltanto al Centrosud.
  • Nevicate – Il 2-3 gennaio nevicate moderate oltre 1000 metri su Alpi (non sono poi previste altre nevicate significative sul versante meridionale delle Alpi fino al 14 gennaio). Deboli nevicate anche sull’Appennino centrale; dal 4 al 6 gennaio neve sul versante adriatico dell’Appennino centro-settentrionale e anche sulle Alpi di confine; tra l’8 e il 9 gennaio neve sul versante adriatico dell’Appennino e sulle Alpi di confine; il 13-14 gennaio ancora neve sul versante adriatico dell’Appennino e sulle Alpi di confine.