Puglia, appello dell’assessore Fabiano Amati: “c’è carenza di pioggia, bisogna risparmiare”

MeteoWeb
Credit: ESA

Rivolgo un appello ad evitare gli usi impropri dell’acqua ed ovviamente a risparmiare: le belle giornate e la relativa carenza di piogge descrivono una situazione di attenzione, considerando la minore disponibilità idrica attualmente rilasciata dalle sorgenti, nonch‚ quella contenuta negli invasi”. Lo afferma l’assessore alle Opere pubbliche e Protezione civile della Regione Puglia, Fabiano Amati, con riferimento agli attuali volumi degli invasi, al tributo totale delle sorgenti Sele-Calore e ai relativi dati sulla piovosita’. “E’ chiaro che se dovesse continuare così – afferma Amatiriusciremmo a soddisfare le esigenze idropotabili solo sino al prossimo autunno, anche se speriamo ovviamente che il nuovo anno ci porti la buona notizia della pioggia”. ”Nel frattempo – aggiunge – abbiamo il dovere di valorizzare il notevole sforzo tecnologico compiuto negli ultimi anni, idoneo al monitoraggio costante, per invitare al risparmio e all’appropriatezza degli usi, che sarebbero sufficienti per contrastare la moderna irregolarità dei fenomeni naturali”. ”La comunicazione tempestiva e preventiva delle condizioni di attenzione – conclude l’assessore regionale – ci aiutano nel raggiungimento di un obiettivo: mantenere in ozio il sistema di emergenza del quale ci siamo dotati sin dall’ultima crisi idrica del 2008”. Per quanto riguarda la fonte di approvvigionamento Sele-Calore oggi, 4 gennaio, la disponibilita’ di acqua risulta essere di 4.927 litri al secondo a fronte dei 5.817 presenti lo scorso anno nella stessa giornata. In quella di Occhito c’e’ una disponibilita’ di acqua in mc di 105.986.000 a fronte dei 161.422.000 mc del 2011. Nel Pertusillo 74.842.000 mc a fronte dei 122.385.000 mc del 2011; nel Sinni 252.244.000 mc a fronte dei 390.320.000 mc del 2011 e nel Locone 14.099.000 mc a fronte dei 35.745.000 mc del 2011.