Satellite russo Phobos Grunt in caduta libera verso la Terra, gli ultimi aggiornamenti confermano che anche l’Italia è a rischio

MeteoWeb
Credit: Lavochkin Association

Comincia a restringersi e a definirsi la fascia oraria nella quale dovrebbe avvenire l’impatto nell’atmosfera della sonda russa Phobos Grunt, il cui rientro e’ previsto nella serata di oggi. I piu’ recenti calcoli della traiettoria, inoltre, permettono di escludere il Nord America e le zone meridionali e orientali dell’Africa dalle aree sulle quali potrebbe avvenire l’impatto della sonda nell’atmosfera, e dove quindi potrebbero cadere frammenti del veicolo spaziale, compresa la capsula che avrebbe divuto portare a Terra i campioni raccolti dalla luna di Marte Phobos. Al momento sono impossibili previsioni piu’ precise e di conseguenza le possibili zone sulle quali potrebbe avvenire l’impatto sono gli oceani Pacifico e Atlantico, seguiti da Europa, Asia, Australia, Sud America. Secondo i calcoli aggiornati dell’agenzia spaziale russa, Roscosmos, il probabile orario dell’impatto sono le 19,53 (ora italiana) con un’approssimazione di piu’ meno 130 minuti. Per l’Aerospace Corporation, che questa mattina indicava una fascia oraria molto piu’ ampia (le 23,26 con un’approssimazione di piu’ o meno 9 ore) , indica l’ora probabile dell’impatto alle 20,21con un’approssimazione di piu’ o meno tre ore. Per il Comando Strategico degli Stati Uniti l’impatto potrebbe avvenire fra le 17,11 e le 19,35 italiane.