Terremoto: scuole evacuate a Parma, Reggio Emilia e anche in Versilia e a Genova

MeteoWeb

Scuole evacuate, calcinacci caduti per strada e tanta paura: ma nessun ferito, per fortuna. Questo il primo bilancio della scossa di terremoto di 4.9 di magnitudo che si e’ avvertita in modo netto a Parma alle 9.10. Attualmente e’ in corso un vertice della Protezione civile al centro operativo di via del Taglio: vi partecipano rappresentanti della Provincia e della Prefetura. L’epicentro del terremoto e’ nel Reggiano, a Brescello (il paese noto perche’ vi sono stati ambientati i film di Don Camillo), a pochi chilometri da Parma dove per alcuni istanti interminabili le vibrazioni hanno fatto tremare gli edifici, scatenando il panico. Molti quelli che si sono riversati in strada ancora in pigiama: diverse le abitazioni in cui le suppellettili sono volate a terra. In strada sono caduti calcinacci e alcuni pezzi di camino. Intasati, poi, i centralini di vigili del fuoco e polizia, mentre quello del Comune rispondeva a vuoto.

Alcune crepe, seppur di lieve entita’ secondo i primi riscontri, sono state rilevate nella scuola elementare di Bagno, una frazione di Reggio Emilia. L’istituto scolastico, che ha sede in un edificio di non recente costruzione in via Boiardo, e’ stato evacuato a scopo precauzionale, come vari altri nel territorio reggiano. Sono stati subito disposti controlli sulla staticita’ dello stabile.

La scossa di terremoto registrata questa mattina poco dopo le 9 in provincia di Reggio Emilia si e’ distintamente sentita anche in Versilia. Numerose le telefonate arrivate ai centralini di vigili del fuoco, polizia municipale, carabinieri e polizia. A scopo precauzionale gli studenti di alcune scuole di Viareggio, Camaiore e Pietrasanta sono stati fatti uscire dagli edifici. Al momento non si registrano danni a cose o persone.

Dopo la scossa di terremoto avvertita questa mattina nel centro e nel levante genovese alle 9.10 circa, a Genova sono stata evacuate a scopo precauzionale alcune scuole che autonomamente hanno deciso di far uscire gli studenti. Lo comunica, in una nota, la Regione Liguria. La Protezione civile regionale, al momento, non ha registrato danni sul territorio e sta comunque monitorando la situazione.