Venti estremi lungo l’arco alpino; superati i 270 km/h in Svizzera

MeteoWeb
Venti fino a 270 km/h sulle Alpi Svizzere

Prima di sfondare sul territorio italiano i fortissimi venti da nord-ovest, in discesa dal mar del Nord, e richiamati dalla profondissima area depressionaria sui 964 hpa sul mar Baltico, hanno sferzato con estrema violenza le vette alpine, dove nella serata di ieri si sono sovrapposti i massimi di vento del “Jet Stream” in quota, sopra i 5000 metri. Ciò ha prodotto dei veri e propri uragani che hanno investito tutte le cime dell’arco alpino, con raffiche di ben oltre i 200 km/h al di sopra dei 2000-2500 metri di quota. Pensate che sulle Alpi Svizzere, ai 2856 metri del Konkordiahuette, è stata archiviata una massima raffica di picco di ben 270 km/h. Si tratta della seconda raffica di picco più forte mai registrata in tutto territorio elvetico. Sulle altre vette, sia svizzere che tedesche e austriache, si sono sfondati i 170-180 km/h. Anche nei bassi strati il vento è stato molto forte, dato il notevole “gradiente barico” fra mar del Nord e penisola italiana, con folate fino a 132 km/h all’aeroporto internazionale di Zurigo.