Astronomia: L’Europa ghiacciata come Europa

MeteoWeb
Credit: Esa /NASA-JPL

Il 13 Febbraio scorso lo strumento MERIS a bordo di Envisat dell’agenzia spaziale europea, ha catturato una superba e inquietante immagine della nostra penisola e di parte dell’Europa completamente innevate. Scene che ricordano vagamente il film Hollywoodiano “The Day After Tomorrow, l’alba del giorno dopo”, dove si faceva riferimento ad una glaciazione. I ricercatori dell’istituto nazionale di Astrofisica hanno ben pensato di elevare un paragone con Europa, satellite naturale di Giove, di cui abbiamo ampiamente parlato in passato. Europa è un mondo completamente ghiacciato sino a varie decine di km di profondità, la cui superficie presenta valori prossimi ai -150°C in virtù della sua enorme distanza dal Sole. L’immagine del satellite realizzata il 27 Giugno 1996 dalla sonda Galileo della NASA, propone certamente un parallelismo esagerato, ma che fa riflettere sulla vastità dell’emergenza maltempo che abbiamo dovuto fronteggiare in queste settimane. L’immagine inquadra una porzione equatoriale della superficie di Europa da una distanza di 156 mila chilometri, sulla quale sono evidenti delle grandi fratture (le linee nere e circolari ben visibili) che dividono la crosta in veri e propri “iceberg” che si separano e si muovono proprio come accade nei nostri mari del nord. Il recente episodio di freddo e maltempo insomma, ha richiesto degli approfondimenti per capire di quale “Europa” si stesse parlando.