Dogs on the snow: lo spettacolo dei cani da slitta sulle vette della sila

MeteoWeb

C’e’ chi lo ha definito ”il richiamo dello sleddog” a latitudini mediterranee, come spiega oggi Filippo Veltri sull’Ansa. “La traversata della Sila e del Pollino con cani da slitta, giunta alla sesta edizione e conclusasi ieri, ha mostrato tutto il suo fascino – dice Veltriper la bellezza dell’ambiente e per la natura selvaggia e incantevole nello stesso tempo della montagna calabrese. ”Dogs on the snow” e’ stato il titolo assegnato all’edizione di quest’anno. Saltata la tappa prevista nel Parco Nazionale del Pollino per la inclemenza del tempo, con nebbia fitta e pioggia torrenziale alla partenza da localita’ Pedarreto (1.351 m.slm), sosta a Civita, per una visita all’ecomuseo del paesaggio Valle del Raganello. Di tutt’altro tenore e spessore e’ stata la seconda tappa, in Sila, con partenza da Croce di Magara (1420 m.slm) che ha portato i musher sulle slitte e i cani di razza Siberian Husky e Alaskan Malamute a fendere la nebbia per salire verso Botte Donato (1928 m. slm) e ridiscendere verso Cavaliere di Lorica (1400 m.slm). Avvolti dal silenzio piu’ assoluto, con compagna solo una leggera e dolce caduta di fiocchi di neve, ci si e’ immersi in un paesaggio assolutamente nordico, da grande Nord Europa, dove salire sulle slitte trainate dai cani proiettava subito la mente alle latitudini del Polo. Dal tempo inclemente, che ha messo a dura prova gli organizzatori per sistemare al meglio i tracciati delle traversate, il sole e’ poi tornato a splendere sulla Sila, mostrando tutto il fascino dei dolci declivi degli altipiani completamente innevati, dove a primeggiare c’e’ il cuore della Sila, con il pianoro di Macchialonga (1770 m.) e il Cozzo del Principe (1629 m). Con la quarta tappa si e’ arrivati all’Anello di Carlomagno, dove il sole domina e riscalda i cuori e allarga gli orizzonti li’ dove uno dei grandi laghi silani, l’Arvo, e’ completamente ghiacciato, cosi’ come il Cecita e L’Ariamacina. Il turismo invernale da queste parti potrebbe crescere ancora: la bellezza dei posti, le potenzialita’ turistiche dei due Parchi della Provincia di Cosenza, Pollino e Sila, l’accessibilita’ viaria, la vicinanza con le uscite dell’autostrada. C’e’ tutto. Ma il merito della significativa iniziativa va alle dieci slitte che si sono presentate al via, condotte dai Musher Renato Alberoni, Marcello Mancini, Giuseppe Prampolini, Giancarlo Farneti, Alessandra Giraldi, Roberto Alletto, Sabine Wohlfahrt, Antonio Mattiu’, Barbara Crescenti e Giovanni Ravelli e trainate con spettacolare velocita’ da bellissimi cani. ”Dogs on the snow” e’ stata promossa e sostenuta dalla Provincia di Cosenza, con il supporto organizzativo della Cooperativa ”La Comune Sangiovannese”, il coinvolgimento dei Parchi Nazionali del Pollino e della Sila, la collaborazione dei Comuni di Pedace, San Giovanni in Fiore e Spezzano Sila, della Comunita’ Montana Silana, dell’Uncem, dell’Arssa Calabria, delle Ferrovie della Calabria, del Centro Sleddog Italia e di Backlop. La manifestazione e’ stata patrocinata dalla Federazione Italiana Musher Sleddog Sport e dalla Federazione Italiana degli Sport Invernali. Al Centro Sci di Fondo di Carlomagno e’ andato anche in scena uno spettacolo, ”Sulle orme di Balto”, videoracconti e canzoni dall’ultima frontiera dell’Alaska, un coinvolgente spettacolo di Ararad Katchikian, esploratore artico e campione internazionale di Sleddog. E nella stessa localita’, tra Lorica e Camigliatello, ”il Re delle Nevi”, meeting di tutti gli appassionati delle razze canine nordiche, in collaborazione con il Se.s.h.i, sezione Siberian Husky Italia. L’appuntamento, a questo punto, e’ gia’ rivolto alla settima edizione, nel 2013, con l’intento di portare piu’ gente, piu’ persone appassionate di questo sport competitivo, pensando ai prossimi campionati mondiali di sleddog che si svolgeranno in Slovacchia, dove partecipera’ il campione italiano e gia’ del mondo, Giampiero Sabella, che non ha fatto mancare una sua visita lampo sugli altipiani silani“.