La cometa Garradd sempre più vicina alla Terra; massimo avvicinamento previsto a Marzo

MeteoWeb
Credit: Conrad Jung/Chabot Space & Science Center

Nei giorni scorsi la cometa Garradd è transitata nei pressi dell’ammasso globulare M92, in una visione puramente prospettica. L’oggetto è stato ripreso da tutto il mondo, tra cui l’astronomo Jung, dalla California. Jung ha utilizzato un telescopio rifrattore (quindi dotato di lenti) da 5 pollici con un’esposizione di 10 minuti, quando entrambi gli oggetti erano nella costellazione dell’Ercole. L’immagine copre una porzione di cielo di appena 1 grado di diametro; davvero poco se consideriamo che un nostro pugno chiuso teso verso il cielo copre un’area di 10 gradi. Come dicevamo la vicinanza risulta essere assolutamente prospettica: l’ammasso globulare M92 dista da noi 27.000 anni luce, mentre la cometa Garradd sfreccia attraverso il sistema solare interno. Dal punto di vista della nostra visuale gli oggetti erano a soli 0.5 gradi di separazione nel cielo notturno. La cometa si trova a pochi minuti luce dalla Terra e viaggia ad una velocità elevatissima. Nel prossimo mese l’oggetto sarà alla sua massima vicinanza dalla Terra, e dovrebbe essere visibile con l’aiuto di un semplice binocolo o un piccolo telescopio. Garradd si avvicinerà a sole 1.3 unità astronomiche, pari a 195 milioni di chilometri circa. La cometa è formalmente conosciuta come c2009 P1, ed è stata scoperta il 13 Agosto 2009 dall’astronomo australiano GJ Garradd. Nel Novembre del 2011 l’oggetto errante ha fornito una splendida visione di sé già ai piccoli strumenti.