Maltempo: secondo la Protezione Civile Campania la situazione è sotto controllo

MeteoWeb

“La situazione nelle province di Avellino e Benevento e’ sotto controllo e, in entrambe i casi, le Unita’ di crisi unanimemente, hanno ribadito che non sia necessario in questa fase l’intervento dell’esercito, in quanto i mezzi e gli uomini messi in campo dai Comuni, dalle Province e dalla Regione sono adeguati.” Lo ha detto l’assessore alla Protezione civile della Regione Campania Edoardo Cosenza, al termine delle riunioni con i prefetti Blasco e Mazza presso le Unita’ di crisi di Avellino e Benevento, composte dai rappresentanti dei vari livelli istituzionali e delle strutture di pronto intervento. “Complessivamente – ha detto l’assessore -sono state gia’ state consegnate sette piattaforme aeree (ossia i mezzi sollevatori) per permettere ai vigili del fuoco di rimuovere gli accumuli di ghiaccio da tetti, alberi e strutture pensili. Altre tre saranno disponibili per gli ulteriori interventi gia’ programmati per domani. Nel corso delle riunioni, non sono emerse situazioni di particolare criticita’ e sono state evase tutte le richieste di mezzi aggiuntivi. “Permangono comunque – ha precisato l’assessore – i presidi dell’Agenzia regionale di Difesa del suolo (Arcadis) in entrambe le Prefetture”. Per quanto riguarda il monitoraggio del territorio, l’assessore Cosenza ha precisato che “nel corso della riunione che si e’ svolta all’Unita’ di crisi presso la Prefettura di Avellino, sono stati ricontattati i sindaci dei comuni piu’ colpiti, dando precedenza a quelle amministrazioni che avevano segnalato problemi. Dal giro di ricognizione non sono emerse esigenze particolari. Nel Sannio, invece, non e’ stato necessario procedere al giro di ascolto diretto, poiche’ era gia’ nota la situazione”. La riunione alla prefettura di Benevento, alla quale hanno preso parte anche il presidente della Provincia Aniello Cimitile e il sindaco della citta’ Fausto Pepe, e’ stata incentrata prevalentemente sulla possibilita’ di riaprire le scuole al piu’ presto tenendo presenti i problemi legati alla mobilita’ locale.