Maltempo, Urbino: disoccupati cercano lavoro spalando neve

MeteoWeb

La crisi economica di questi tempi potrebbe andare a braccetto con l’emergenza neve e maltempo dei giorni scorsi. In un appello della regione Marche infatti, sono stati invitati 30 disoccupati, inoccupati, lavoratori in mobilità, iscritti al centro per l’impiego e lavoratori in cassa integrazione per spalare neve. Ma di disoccupati se ne sono presentati 47.  E con la garanzia di retribuire le attività con voucher di lavoro accessorio di 50 euro lorde giornaliere (37 euro nette), grazie al sostegno offerto dalle Regione Marche proprio per coinvolgere i lavoratori in cassa integrazione negli interventi dei Comuni per affrontare la difficile situazione che si e’ creata in seguito alle eccezionali nevicate. Prendere o lasciare: infatti, le selezioni sono durate solo la mattina di oggi. Ma tanto è bastato: a presentarsi sono state ben 47 persone, rispetto alle 30 richieste, per oltre la meta’ stranieri e in maggioranza disoccupati (oltre a qualcuno in mobilita’). I 30 selezionati partiranno con l’attivita’ di spalatura neve gia’ da domani. Ma gli ‘esclusi’ non saranno dimenticati: entreranno in un elenco di “disponibili” da cui l’amministrazione attingera’ nel caso in cui decidesse di prorogare l’iniziativa di sgombero neve, per il momento prevista per la durata di 10 giorni, o per altre eventuali attivita’. Un successo, dunque, per questa iniziativa che, come sottolinea a LABITALIA l’assessore alle Politiche attive per il lavoro della Provincia di Pesaro-Urbino, Massimo Seri, “ha visto una grande collaborazione tra le istituzioni, l’Inail, l’Inps e l’Asur, anche per quanto riguarda le visite mediche che sono state effettuate immediatamente”. “C’e’ stata dunque una duplice risposta: da un lato, per i servizi del territorio – afferma – e, dall’altro, per il sostegno alle persone in difficolta'”.