Tanzania: i cambiamenti climatici mettono a repentaglio le risorse idriche

MeteoWeb

Nonostante gli ingenti sforzi finanziari effettuati nel settore, le risorse idriche della Tanzania dipendono ancora “largamente” dalle piogge che negli ultimi anni sono diventate incostanti, con gravi rischi per la popolazione e danni alle coltivazioni. E’ questo il risultato di uno studio coordinato dal direttore dall’Autorita’ per l’Acqua della citta’ settentrionale di Moshi, Joseph Swai. In una conferenza di presentazione del suo lavoro, Swai ha detto che le “alluvioni che hanno messo in ginocchio alcune regioni hanno anche distrutto o danneggiato importanti infrastrutture idriche”. E tutto cio’, ha aggiunto, “ha causato l’inquinamento delle falde idriche e di conseguenza, un aumento delle malattie infettive”. Swai ha percio’ lanciato un appello al governo centrale affinche’ “prenda le opportune misure per assicurare acqua potabile in modo costante, tenendo presente che in futuro le piogge non avranno cadenza regolare e che tutto cio’ potra’ avere un costo pari all’1-2 per cento del Pil”.