Una mappa ad alta risoluzione sull’altezza delle foreste terrestri

MeteoWeb
Una foresta australiana

Un team della NASA ha creato una mappa accurata e ad alta risoluzione, sull’altezza delle foreste terrestri. La mappa aiuterà gli scienziati a capire meglio il ruolo svolto dalle foreste nei cambiamenti climatici e come le loro altezze influenzino gli habitat della fauna selvatica al loro interno, ma anche aiutarli a quantificare il carbonio immagazzinato nella vegetazione terrestre. La mappa, creata con 2,5 milioni di impulsi laser dallo spazio distribuiti a livello globale, è stata realizzata dagli scienziati del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in collaborazione con la University of Maryland, il College Park, e il Woods Hole Research Center a Falmouth, nel Massachusetts. “Conoscere l’altezza delle foreste della Terra è fondamentale per la stima della loro biomassa, o per la quantità di carbonio che contengono”, ha detto il ricercatore Marc Simard, del JPL. “La nostra mappa può essere utilizzata per migliorare gli sforzi globali per il monitoraggio del carbonio. Inoltre, l’altezza delle foreste è una caratteristica integrante degli habitat della Terra, ma è poco misurata a livello globale, quindi grazie ai nostri risultati beneficeranno anche gli studi delle varietà della vita che si trovano in particolari aree della foresta“, continua Simard. La mappa, che mostra i punti più alti degli alberi, ha una risoluzione spaziale di 1 Km, ed è stata validata con i dati provenienti da una rete di circa 70 siti sparsi in tutto il mondo. I ricercatori hanno scoperto che, in generale, le altezze delle foreste diminuiscono ad altitudini più elevate, e viceversa, sono più elevate a basse latitudini, diminuendo in altezza quanto più esse si trovino lontane dai tropici. Un’importante eccezione però è stata trovata a circa 40 gradi di latitudine sud, a sud delle foreste tropicali dell’Australia e della Nuova Zelanda, dove le piante di eucalipto, una delle piante più alte del mondo, misuravano oltre 40 metri.

I ricercatori hanno utilizzato i dati Lidar e ICEsat per ottenere effetti della topografia e della copertura nuvolosa più efficienti. Tra queste, si sono avute stime della percentuale di copertura arborea globale da parte del Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer della NASA sul satellite Terra, i dati di elevazione dalla missione Radar Topography Shuttle della NASA, e le mappe di temperatura e precipitazioni dal Tropical Rainfall Measuring Mission, sempre della NASA, oltre al database WorldClim. WorldClim è un insieme di dati climatici globali ad alta risoluzione che possono essere utilizzati per la mappatura e per la modellazione spaziale. La precisione della nuova mappa varia a seconda delle principali tipologie di comunità ecologiche nei boschi, e dipende anche da quanto le foreste sono state disturbate dalle attività umane e dalla variabilità in altezza naturale delle foreste. “La nostra mappa contiene una delle migliori descrizioni dell’altezza delle foreste attualmente disponibili su scala regionale e globale della Terra“, ha detto Simard. “Questo studio dimostra l’enorme potenziale che ci viene dallo spazio per rivelare nuove informazioni sulle foreste della Terra. Tuttavia, per monitorare la salute a lungo termine delle foreste della Terra e degli altri ecosistemi, saranno necesari nuovi satelliti di osservazione”, conclude lo scienziato. La mappa può essere visualizzata a questo link .