Allarme per gli oceani del pianeta: hanno tassi di acidificazione senza precedenti!

MeteoWeb

Gli attuali tassi di acidificazione degli oceani sono senza precedenti nella storia della Terra. Questo e’ quanto emerso da uno studio condotto dal Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University e dall’Universita’ di Bristol che ha valutato nel dettaglio una serie di eventi correlati ai cambiamenti climatici nella storia del pianeta, compreso l’impatto di un asteroide che avrebbe eliminato i dinosauri e l’estinzione di massa del Permiano che spazzo’ via circa il 95 per cento della vita sul Pianeta. I risultati dello studio sono riportati sulla rivista Science. Gli oceani stanno assorbendo circa un quarto delle emissioni di CO2 rilasciate nell’atmosfera, abbassando notevolmente il pH della propria superficie: aumenta la presenza di CO2 nell’atmosfera e aumenta la velocita’ con cui si dissolve nell’acqua di mare, promuovendone l’acidificazione. Gli esperimenti di laboratorio effettuati hanno evidenziato che se i l pH continua a scendere, inizieremo a vedere l’impatto sugli organismi marini che saranno soggetti ad una crescita piu’ lenta, a una minore fertilita’, a una perdita di massa muscolare, al nanismo, a una ridotta attivita’ e allo scioglimento dei gusci di carbonato, con conseguenze a catena su tutto l’ecosistema marino. Tuttavia, il numero di processi coinvolti e’ piuttosto ampio e, per questo, e’ diffici le prevedere come gli ecosistemi degli oceani appariranno in futuro e in che modo gli esseri umani saranno in grado di continuare a beneficiare delle risorse marine. Per prevederlo, i ricercatori hanno guardato al passato, studiando gli eventi climatici degli ultimi 300 milioni di anni connessi alle elevate emissioni di CO2 atmosferica, al riscaldamento globale e all’acidificazione degli oceani.
”I risultati suggeriscono – ha spiegato Daniela Schmidt della Bristol University, tra gli autori della ricerca – che l’acidificazione attuale e’ potenzialmente senza precedenti almeno negli ultimi 300 milioni di anni di storia della Ter! ra e sol levano il dubbio che stiamo entrando in un territorio sconosciuto del cambiamento dell’ecosistema marino. Anche se esistono analogie, nulla nei tassi rilevati negli ultimi 300 milioni di anni e’ paragonabile ai numeri attuali in termini di interruzione della chimica naturale dell’oceano, a causa della rapidita’ senza precedenti di rilascio di CO2”.