I vulcani, la loro classificazione e l’attività (Video)

MeteoWeb

I vulcani sono impressionanti manifestazioni della potenza di fuoco contenuta nelle profondità della Terra. Queste formazioni sono essenzialmente prese d’aria sulla superficie della Terra, dove vengono emessi roccia fusa, detriti e gas dall’interno del pianeta. Quando il magma denso e grandi quantità di gas vengono immagazzinate sotto la superficie, le eruzioni possono essere esplosive, espellere lava, rocce e cenere in aria. Meno gas e magma più viscoso del solito significa una eruzione meno drammatica, causando spesso i flussi di lava che trasudano dalla bocca. I tumuli che noi associamo con i vulcani sono ciò che resta dopo che il materiale vomitato durante le eruzioni si è raccolto e indurito intorno alla bocca. Ciò può accadere per un periodo di settimane o di molti milioni di anni. Una grande eruzione può essere estremamente pericolosa per le persone che vivono nei pressi di un vulcano. I flussi di lava incandescente, che possono raggiungere i 1.250 gradi Celsius o più, possono essere rilasciati bruciando ogni cosa sul loro cammino, tra cui intere città. Massi causati dall’indurimento della lava possono piovere sui villaggi. Colate di fango dal rapido scioglimento della neve possono scendere dai pendii montani e dalle valli nude e seppellire intere città. I gas tossici sprigionati possono causare danni ai polmoni, oltre ad altri tipi di problematiche per il corpo umano, in particolare a bambini ed anziani. Gli scienziati stimano che più di 260.000 persone sono morte negli ultimi 300 anni a causa di eruzioni vulcaniche e delle loro conseguenze. I vulcani tendono ad esistere lungo i bordi delle placche tettoniche, lastre di pietra massiccia che compongono la superficie della Terra. Circa il 90 per cento di tutti i vulcani esistono all’interno della cintura di fuoco lungo i bordi dell’Oceano Pacifico. Circa 1.900 vulcani sulla Terra sono considerati attivi, nel senso che mostrano un certo livello di attività ed è probabile che possano esplodere nuovamente in futuro. Molti altri vulcani sono inoperosi, detti in quiescenza, dal momento che non mostrano segni di imminenti o future esplosioni, ma che possono diventare attivi in qualsiasi momento. Altri sono considerate estinti.