Maltempo al centro/nord: la nuova allerta meteo della protezione civile

MeteoWeb

Come era stato annunciato il maltempo ha raggiunto le nostre regioni settentrionali dove e’ attivo un fronte di origine atlantica. Nelle prossime ore la perturbazione transitera’ anche sulle regioni centrali apportando condizioni di instabilita’, un abbassamento delle temperature e della quota neve. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della protezione civile ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che integra ed estende quello diramato nella giornata di ieri e che prevede dalla seconda parte della giornata di oggi precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale su Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. I fenomeni si estenderanno dalla mattinata di domani anche alla Sardegna e saranno accompagnati da forti raffiche di vento e attivita’ elettrica. Si prevedono inoltre nevicate sull’Emilia-Romagna e sui settori centro-settentrionali di Marche e Umbria con quota neve in progressivo abbassamento fino a 400-600 metri. Il Dipartimento della Protezione civile continuera’ a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale del 5 marzo 2012 – Previsione per oggi, lunedì 5 marzo 2012:

Precipitazioni:
–    sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Liguria, Piemonte centro-meridionale, Lombardia meridionale, Appennino emiliano e Toscana settentrionale con quantitativi cumulati generalmente moderati;
–    sparse, anche a carattere di rovescio, sulle restanti zone della Lombardia e sui settori alpini e prealpini del Triveneto, con quantitativi cumulati moderati;
–    sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulle restanti zone della Toscana, su Emilia-Romagna orientale, Umbria, Marche e Lazio con quantitativi cumulati da deboli a moderati;
–    da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale sulle restanti zone peninsulari, con quantitativi cumulati generalmente deboli.
Quota neve: in abbassamento:
–    fino a 400-600 metri sui settori alpini, su basso Piemonte, entroterra ligure, settori appenninici della Lombardia e zone appenniniche dell’Emilia-Romagna;
–    fino agli 800-1000 metri sull’ Appennino centrale.
Visibilità: ridotta nelle precipitazioni.
Temperature: al nord, in sensibile diminuzione nei valori massimi e serali.
Venti: da forti a burrasca settentrionali sulla Liguria e Piemonte, nord-occidentali su Sardegna e Sicilia occidentale; tendenti a forti nord-orientali su Emilia-Romagna, Toscana, Veneto e sul triestino, su quest’ultima area rinforzi nella sera fino a burrasca forte.
Mari: molto agitato, temporaneamente grosso il Mare di Sardegna; da molto mossi ad agitati i restanti bacini occidentali e lo Stretto di Sicilia; tendente a molto mosso l’Adriatico settentrionale.

Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale del 5 marzo 2012 – Previsione per domani, martedì 6 marzo 2012:

Precipitazioni:
–    diffuse, anche a carattere di rovescio, su Emilia-Romagna orientale e Marche con quantitativi cumulati da moderati a localmente elevati;
–    sparse, anche a carattere di rovescio o temporale su Piemonte meridionale, Lombardia meridionale, Appennino emiliano, Toscana, Umbria ed Abruzzo settentrionale con quantitativi cumulati generalmente moderati;
–    sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Sardegna, Lazio, Campania, Basilicata tirrenica e settori tirrenici della Calabria con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati;
–    da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio sul resto del nord con quantitativi cumulati deboli;
–    isolate, anche a carattere di rovescio o temporale,  sul resto del centro-sud peninsulare con quantitativi cumulati generalmente deboli.
Quota neve:
– al settentrione, su Marche e Appennino toscano fino ai 400-600 metri;
– su Sardegna, restanti regioni centrali e Campania settentrionale fino ai 700-900 metri.
Visibilità: ridotta nelle precipitazioni.
Temperature: in calo le minime al nord e le massime al centro-sud.
Venti: di burrasca nord-orientali sul triestino; forti nord-orientali con raffiche di burrasca sull’Appennino settentrionale, Liguria, Toscana e basso Piemonte; forti nord orientali su pianure del Veneto, bassa Lombardia e coste emiliano-romagnole; di burrasca nord-occidentali su Sardegna e Sicilia; localmente forti occidentali sul resto del centro-sud peninsulare. Raffiche nei temporali.
Mari: molto agitato il Mare di Sardegna; agitati il Mar Ligure, il Tirreno, lo Stretto di Sicilia; molto mosso l’Adriatico settentrionale; localmente molto mosso l’Adriatico centrale e lo Ionio meridionale.

Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale del 5 marzo 2012 – Previsione per dopodomani, mercoledì 7 marzo 2012:

Precipitazioni:
–    sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna con quantitativi cumulati generalmente moderati;
–    da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio sulle regioni centrali adriatiche e sulla Puglia settentrionale con quantitativi cumulati da deboli a localmente moderati;
–    isolati rovesci o temporali sul resto del sud con quantitativi cumulati generalmente deboli.
Quota neve: sulle regioni adriatiche centrali fino ai 300-500 metri.
Visibilità: ridotta nelle precipitazioni.
Temperature: in calo al sud.
Venti: localmente forti settentrionali sul triestino, sull’Appennino settentrionale, Liguria, Toscana e Sardegna.
Mari: molto mossi i bacini occidentali e l’Adriatico centro-settentrionale.