Previsioni Meteo: nel weekend forti temporali pomeridiani, poi ancora sole aspettando l’ultimo colpo di coda invernale

MeteoWeb
La goccia fredda domenica pomeriggio/sera si porterà sullo Jonio, ma da ovest arriverà una nuova rimonta anticiclonica

Splende il sole anche oggi su gran parte d’Italia, seppur con qualche nube al centro/sud che però è solo innocua, tra cirri alti e stratiformi e foschie ai bassi strati che non determinano alcun tipo di precipitazione. Le temperature sono miti, piacevoli soprattutto al centro/nord e le condizioni del tempo si manterranno così anticicloniche a lungo, probabilmente fino alla fine del mese. Ma nel weekend ci sarà una breve parentesi instabile dovuta all’arrivo di una goccia fredda da nord/ovest che scivolerà lungo l’Italia attraversandola dal Piemonte al mar Jonio proprio nel corso del fine settimana, determinando dei fenomeni perturbati sia sabato 24 che domenica 25.
Lo scorrimento della goccia fredda da nord/ovest verso sud/est determinerà la formazione di temporali concentrati soprattutto nelle zone interne, sui rilievi, e nelle ore pomeridiane, con qualche sconfinamento in serata anche sulle aree orientali del Paese viste le correnti nord/occidentali al suolo. I fenomeni, di matrice prettamente convettiva, interesseranno nella giornata di sabato il nord/est e tutta la dorsale Appenninica, domenica soprattutto il sud tra Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia. Non sono da escludere rovesci temporaleschi intensi, ma localizzati nelle zone interne, con grandinate e violente fulminazioni. La quota neve si manterrà sempre superiore ai 1.800 metri di quota, e le temperature resteranno pressocchè stazionarie, eccezion fatta per momentanei crolli durante le fasi temporalesche, ma esclusivamente nelle zone colpite.

La tendenza a lunghissimo termine di Ecmwf, per il 1° aprile

Questa fase instabile e perturbata, come già anticipato, durerà pochissimo, solo il weekend, mentre già da lunedì 26 e per tutta la prossima settimana tornerà a splendere il sole ancora con temperature miti e piacevoli su gran parte del nostro Paese. Continuerà l’emergenza siccità al centro/nord, dove la situazione è sempre più critica, e il mese di marzo si concluderà con pesantissimi deficit idrici almeno dal Lazio in sù.
La stagione primaverile, così, continua a mostrare il suo volto più dolce e piacevole, anche se rimaniamo ancora in attesa dell’ultimo, possibile, colpo di coda stagionale che potrebbe verificarsi nella prima decade di aprile. Le carte del modello Reading proprio per il 1° aprile (Ecmwf) lasciano pensare a una nuova possibile discesa fredda da nord/est.
Ma arriverà proprio sull’Italia?
Lo scopriremo nei prossimi aggiornamenti, continuate a seguirci!