Rischio alluvioni in Veneto: dalla giunta regionale arrivano 30 milioni per lavori di prevenzione

MeteoWeb

La giunta regionale veneta ha approvato le azioni programmatorie per la realizzazione di due casse di espansione nel territorio vicentino, la cui realizzazione sara’ finanziata con 30 milioni di euro assegnati dal decreto ‘milleproroghe’ del 2011 al Veneto. Lo ha reso noto il presidente regionale, Luca Zaia, spiegando che si tratta del bacino di laminazione lungo il torrente Timonchio nel comune di Caldogno e di quello sul torrente Agno-Gua’ nei comuni di Trissino e Arzignano, tutte localita’ del vicentino. Zaia ha ricordato come gli eventi alluvionali del 31 ottobre-2 novembre 2010 abbiano mostrato tutta la fragilita’ del territorio veneto: la Regione ha quindi dato incarico ai tecnici di predisporre un piano delle azioni e degli interventi di mitigazione del rischio idraulico e geologico.

“Questa – ha detto Zaia – e’ tutta una partita che stiamo cercando di affrontare. A dimostrazione del fatto che la nostra attenzione rispetto alla difesa idrogeologica e’ un tema cogente e una linea di investimento per la Regione del Veneto. Vogliamo realizzare il ‘piano’, per il quale si parla di 2,7 miliardi di euro, e cerchiamo di realizzarlo gradino dopo gradino. Le due casse di espansione approvate oggi sono anche l’occasione per ricordare che sono decenni che nel Veneto non si fanno piu’ grandi infrastrutture idrauliche. L’ultima realizzata e’ la cassa di espansione di Montebello. Oggi riapriamo questo libro impolverato dei cantieri per gli interventi che nel Veneto non sono mai stati realizzati in questi ultimi 80 anni”. Il presidente del Veneto ha anche aggiunto che continua il confronto con il governo per portare a casa le risorse: “pensiamo che la difesa idrogeologica sia una priorita’ per tutto il Paese che dovrebbe dotarsi di un piano di investimenti nazionale”. Da parte sua l’assessore alla difesa del suo Maurizio Conte spiega che i due interventi nel vicentino, in avanzata fase di progettazione, rientrano fra quelli prioritari gia’ individuati con precedenti provvedimenti. Il 23 febbraio scorso la Commissione Tecnica Regionale (sezione Ambiente) ha dato parere favorevole in merito ai progetti. “L’intervento per il bacino lungo il torrente Timonchio – sottolinea Conte – risulta particolarmente importante per la sicurezza idraulica dell’area metropolitana di Vicenza e per la realizzazione di questo progetto sono stati assegnati 19,5 milioni di euro, mentre a quello per il bacino lungo il torrente Agno-Gua’ vanno gli altri 10,5 milioni di euro”.