Siracusa, mercantile incagliato: adesso la priorità è recuperare il carburante

MeteoWeb

La societa’ Augusta Due di Roma, proprietaria della nave cisterna Gelso M, incagliatasi questa mattina al largo di Siracusa assicura che i 19 membri dell’equipaggio che hanno raggiunto il porto di Augusta, nei pressi di Siracusa, hanno ricevuto i controlli medici e sono in buone condizioni. Un team della Smit Salvage di Rotterdam, specialista nel recupero navale, arrivera’ in Sicilia in tarda serata. La priorita’ e’ recuperare il carburante della nave e un’ispezione preliminare sara’ effettuata non appena le condizioni atmosferiche lo permetteranno. La nave non era ancora stata caricata quando si e’ incagliata appena fuori dal porto a causa di una tempesta forza 10 avvenuta nelle prime ore della mattina. L’incagliamento e’ avvenuto in mattinata, quando la Gelso M si avvicinava al porto di Augusta con una normale manovra. Le cause sono tuttora sotto indagine. Al momento e’ stato verificato che il motore della Gelso M ha avuto problemi causati dai violenti movimenti della nave durante la tempesta, con vento a 70 km/h, onde di 8-10m e scarsa visibilita’. Condizioni difficilissime che non hanno impedito agli elicotteri giunti in soccorso, di trasferire a terra l’equipaggio della nave. Il rimorchiatore Carlo Magno ha raggiunto il luogo dell’incidente.