Spazio: si prepara al lancio ‘Metop-B’, la sentinella Europea del clima

MeteoWeb

Si prepara al lancio la nuova sentinella europea del clima. Metop-B, il secondo della nuova generazione di satelliti europei per lo studio meteorologico, ha raggiunto la base di lancio di Baikonur, in Kazakhstan, dove i tecnici stanno da alcune settimane controllando le strumentazioni prima di implementarlo a bordo dal lanciatore Soyuz che lo portera’ in orbita il 23 maggio. Metop-B, finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e dall’organizzazione europea per l’utilizzo dei dati meteo da satellite, e’ il secondo membro della famiglia di satelliti meteorologici europei. Arrivato il 6 marzo negli spazi del Cosmodromo di Baikonur a bordo di un cargo Antonov proveniente dagli stabilimenti di produzione di Tolosa in Francia, il satellite e’ ora ispezionato dai tecnici per verificare non si abbiano avuti danni durante le fasi di trasporto e entrera’ a breve nella fase dei test di collaudo finale. Il lancio e’ programmato per il 23 maggio con un razzo Suyuz ‘potenziato’ con il quarto stadio Fregat, utilizzato normalmente per portare in orbita grandi carichi. Metop-B, dal peso di circa 4 tonnellate, porta a bordo una serie di strumenti per monitorare una gran varieta’ di informazioni come temperatura, umidita’, velocita’ dei venti e direzioni delle correnti di oceani, strato di ozono e molti altri gas dell’atmosfera importanti per monitorare l’evoluzione climatica. Per un primo periodo Metop-B lavorera’ insieme al ‘fratello’ Metop-A che, lanciato nel 2006, si avvicina a concludere la sua vita operativa; nel 2017 sara’ a sua volta affiancato e poi sostituito da Metop C. L’intero programma per lo studio meteorologico dell’Esa e’ pensato per garantira un’operativita’ fino almeno il 2020 ed e’ costato complessivamente circa 3 miliardi di euro