Emergenza siccità in Veneto, appello dell’assessore Conte: “si usi l’acqua in modo responsabile”

MeteoWeb

Dopo l’emanazione dell’ordinanza del Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia che ieri ha proclamato lo stato di crisi idrica a causa della situazione di siccita’ sulla rete idrografica veneta, l’assessore all’ambiente e al ciclo dell’acqua Maurizio Conte sottolinea ”l’importanza delle azioni individuate per ridurre gli effetti negativi prodotti dal perdurare del fenomeno siccitoso”. L’assessore fa rilevare che ”le precipitazioni piovose previste in questi giorni non serviranno a risolvere il problema. Si dovra’ quindi pensare insieme ai consorzi di bonifica e agli enti gestori dei bacini anche ad un vero e proprio piano per affrontare con sistematicita’ e in modo organico i periodi di siccita’ che si stanno verificando in modo ricorrente, analogamente a quanto e’ stato fatto con l’elaborazione del piano per mitigare le conseguenze degli eventi alluvionali. Tra gli interventi strutturali, negli incontri avvenuti in queste settimane, si e’ convenuto ad esempio sulla necessita’ di dare priorita’ al potenziamento della barriera contro la risalita del cuneo salino sull’Adige”.

Intanto nell’ordinanza del Presidente della Regione, in base alla specificita’ di ogni bacino, e’ stata prevista la riduzione dei valori del deflusso minimo vitale, previsti dalla Norme tecniche di attuazione del Piano di Tutela delle Acque, accompagnata dalla contestuale riduzione dei prelievi per l’irrigazione nell’ambito dell’operativita’ dei singoli consorzi di bonifica. In accordo con i soggetti gestori degli invasi idroelettrici dei bacini montani, le risorse idriche trattenute nei serbatoi saranno rese disponibili nel periodo estivo. Sono stati introdotti divieti per quanto riguarda il lavaggio delle automobili, se non negli impianti autorizzati, e le operazioni di annaffiatura del verde pubblico e privato. ”In ogni caso – conclude l’assessore – faccio appello a tutti i cittadini veneti perche’ l’acqua sia utilizzata in maniera responsabile”.