Inquinamento atmosferico, studio sulle città Italiane: lo smog e l’assenza di verde aumentano il rischio di ricoveri

MeteoWeb

L’inquinamento atmosferico delle citta’ italiane ‘manda in ospedale’, con un aumento del rischio ricoveri soprattutto tra anziani e bambini. In pericolo sono principalmente i residenti di citta’ vicine a impianti industriali e con poco verde urbano: per loro e’ maggiore la probabilita’ di essere ricoverati per malattie respiratorie o conseguenze di esse. Lo dimostra uno studio condotto da Raffaele Lagravinese dell’Universita’ di Roma III, Francesco Moscone ed Elisa Tosetti della Brunel University e presentato nel corso di un seminario al dipartimento di economia dell’universita’ di Bari. E’ emerso che a incidere su inquinamento e ricoveri non e’ tanto il traffico automobilistico quanto la carenza di verde urbano, spiega Moscone, quindi misure molto usate in Italia come le targhe alterne hanno poco impatto. Servirebbero invece misure piu’ sostanziali come la presenza di una cintura di verde attorno ai centri abitati, sul modello della Green Belt londinese. ”Abbiamo analizzato la relazione tra fattori inquinanti (PM10, NO2 monossido di carbonio e ozono) – spiega Moscone – e i ricoveri ospedalieri per patologie legate a malattie respiratorie croniche (bronchite, asma, enfisema) differenziando tra la popolazione pediatrica e quella anziana. Abbiamo utilizzato dati sui fattori inquinanti raccolti dalle centraline di monitoraggio, distribuite su tutto il territorio italiano nel periodo 2004-2009, analizzando in tutto 99 province e controllando una serie di fattori che possono avere un ruolo sui ricoveri (percentuale di fumatori, tasso di disoccupazione, concentrazione di verde, temperature e precipitazioni, numero di autovetture, percentuale di occupati nell’industria, etc)”. E’ emerso che al crescere dei valori di particolato (PM10) e altri inquinanti atmosferici registrati in ciascuna provincia, aumentano in modo significativo i tassi di ospedalizzazione della popolazione giovane e anziana e che l’aumento dei fattori inquinanti e’ legato in buona parte alla carenza di concentrazione di aree verdi nelle citta’ e alla presenza di stabilimenti industriali.