Le previsioni meteo dell’aeronautica militare per la giornata odierna

MeteoWeb

Il Servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: un veloce sistema nuvoloso proveniente dalla Francia, presente sulle regioni settentrionali, si dirige verso levante spostandosi sulle regioni del centro, la pressione sul nostro Paese e’ in temporanea diminuzione. Tempo previsto fino alle 24 di oggi. Nord: molte nubi su tutto il settentrione, con piogge e rovesci sparsi e con temporali anche di forte intensita’ sulla Liguria e sulle zone alpine e prealpine di Piemonte, Lombardia e Trentino Alto Adige, in estensione all’alto Veneto ed al Friuli Venezia Giulia nel corso della mattinata. Tendenza a schiarite, seppur parziali, e ad attenuazione dei fenomeni su Piemonte e ponente ligure gia’ nel corso della mattinata, salvo successivo nuovo aumento delle nubi sulle zone pianeggianti del Piemonte, nubi cui tuttavia non si assoceranno fenomeni significativi. Miglioramento piu’ generalizzato nel corso della notte. Centro e Sardegna: nuvolosita’ compatta sulla Toscana e sulla Sardegna settentrionale, con rovesci sparsi sull’isola e con temporali anche intensi sulla Toscana settentrionale. Nella mattinata, estensione delle nubi al resto del centro, con rovesci sparsi e isolati temporali sull’Umbria e Lazio. Schiarite anche ampie su Sardegna e Toscana dal tardo pomeriggio. Sud e Sicilia: in genere poco nuvoloso, salvo annuvolamenti temporanei in transito sulla Sicilia orientale, Calabria ionica e puglia salentina nella mattinata. Nel pomeriggio, aumento delle nubi su Campania, Molise e Basilicata, con possibilita’ di isolati rovesci sulle zone piu’ interne. Temperature: massime in aumento sulle regioni del sud e su quelle nord occidentali. In diminuzione su Toscana e Sardegna Venti: moderati dai quadranti meridionali sulle regioni peninsulari con rinforzi di vento forte su Liguria, alta Toscana ed Emilia Romagna. Da deboli a moderati di Maestrale sulla Sardegna. Mari: agitato il Ligure e Tirreno settentrionale; mossi i restanti bacini, con moto ondoso in aumento sul Tirreno centrale e Mare di Sardegna.