Vulcani in attività: non solo il Popocatepetl, anche il Shiveluch sta eruttando nella penisola di Kamchatka

MeteoWeb
Il vulcano Shiveluch in eruzione

In questa settimana il vulcano Popocatepetl sta facendo parlare di sé. Situato a 70 km da Città del Messico, area metropolitana di 19 milioni di abitanti, è costantemente monitorato al fine di divulgare bollettini aggiornati alla cittadinanza. Simile effetto di risonanza l’hanno avuto anche le eruzioni relativamente piccole di Indonesia e Giappone, dove l’ubicazione delle isole e l’alta densità di popolazione, permettono agli esseri umani di essere in stretto contatto con i vulcani. Proprio questo è un motivo per il quale sembra che l’attività vulcanica sia in netto aumento rispetto a due secoli fa: alle falde di queste pericolose montagne sono ubicati veri e propri paesi, che obbligano gli enti preposti a tenere alta l’attenzione e diffondere notizie in tempo reale. Così, un’eruzione che nel passato passava del tutto inosservata, oggi, grazie a questa motivazione e alla possibilità di comunicazione instantanea, si viene a conoscenza di tutte le situazioni di questo genere. Questo è anche il motivo per il quale alcune eruzioni possono sembrare più pericolose di altre, quando in realtà oggettivamente, dal punto di vista della forza dell’eruzione, non è così. Nella penisola di Kamchatka in Russia, ad esempio, si verificano periodicamente eruzioni di tutto rispetto di cui a stento si parla.

Credit: geology.about.com

Proprio nella scorsa settimana abbiamo parlato di uno dei vulcani più attivi della penisola, il Shiveluch, che ha prodotto un pennacchio di cenere che ha raggiunto i 9,5 Km di altezza, determinando la più grande eruzione annuale. Eppure di questa eruzione si è parlato pochissimo, proprio in relazione al fatto che l’area è praticamente disabitata o quasi. Il KVERT, l’organizzazione che monitora i vulcani della Kamchatka, ha posto lo stato di allerta al livello arancione (è stato a questo livello di allerta per un bel pò di tempo), che indica possibile esplosione in qualsiasi momento.  La più grande città della penisola più vicina al vulcano è Petropavlovsk-Kamchatsky, città di 180.000 abitanti, ubicata però a oltre 430 chilometri a sud, quindi ben distante. Oltretutto, l’attività del vulcano non è una novità, anche se il pericolo è reale per il traffico aereo di passaggio tra l’Europa e Il Nord America e l’Asia. Ma se questo vulcano si trovasse nei pressi di una grande città, se ne parlerebbe sicuramente molto di più.