Le Bahamas: clima, temperature e geografia del paradiso naturale nelle acque dell’Atlantico

MeteoWeb

Le Bahamas sono un gruppo di isole che forma uno stato dell’America centrale, nelle acque dell’Oceano Atlantico a nord di Cuba e dei Caraibi e a sud/est della Florida. L’arcipelago del Paese è composto da 700 isole e isolette per una superficie complessiva di 13.940 km² (quasi identica al Trentino Alto Adige o alla Campania) in cui vivono poco più di 300 mila persone, quasi tutte residenti nella capitale, Nassau.

La più grande isola delle Bahamas è l’isola di Andros (ha una superficie di 5.957 km², quasi la metà dell’intero arcipelago) ma la più popolosa è l’sola di New Providence dove si trova la capitale, Nassau.

L’arcipelago delle Bahamas è formato dalle parti emerse di un insieme di piattaforme carbonatiche. Sono alto-fondi marini con profondità fino a poche decine di metri separati tra loro da fosse molto profonde di ambiente oceanico. La piattaforma più estesa è il Great Bahama Bank che supporta l’isola di Andros.

Alle Bahamas è possibile trovare un grandissimo patrimonio ambientale grazie alle numerose aree protette che ospitano una flora e una fauna eccezionali.

Nonostante la presenza sempre più invadente e il continuo sviluppo delle strutture turistiche, infatti, la natura bahamiana è rimasta incontaminata in moltissime aree, come ad esempio nell’isola di Exumas o nella Gran Bahama Island, dov’è possibile ammirare moltissime specie animali e vegetali rare, tra cui diversi tipi di pappagalli, oltre ai famosissimi fenicotteri rosa.

Il clima delle Bahamas è di tipo tropicale, ma viene mitizzato dagli alisei nord/orientali che lo rendono più simile a quello temperato in quanto a caratteristiche, più che a quello tropicale. Dopotutto sono isole poste a ridosso del tropico del cancro, ma incluse (comprese le acque) al 53,4% nella fascia climatica temperata: le temperature sono piacevoli per tutto l’arco dell’anno, senza sbalzi termici estremi. Nei mesi invernali, la media delle temperature oscilla tra +20 e +23°C, nei mesi estivi tra +27 e +29°C. Le minime, infatti, oscillano tra +17 e +25°C in media; le massime tra +26 e +33°C.

Le isole più settentrionali e occidentali (Grand Bahama Island, Great Abaco, Andros e Eleuthera) sono più fresche, mentre le isole meridionali sono molto calde specialmente in estate (da giugno ad agosto).

Le acque, invece, sono sempre calde con temperature tra +23 e +29°C nel corso dell’anno e ha una temperatura quasi sempre molto simile a quella dell’aria.

Dal punto di vista pluviometrico, alle Bahamas cadono tra 900 e 1.500 mm di pioggia l’anno. La stagione più piovosa è quella estiva e autunnale, tra maggio e ottobre, con addirittura possibili uragani nel periodo che va da luglio a novembre. In questi mesi sono concentrate le precipitazioni più consistenti.

A Nassau, ad esempio, cadono 1.200mm di pioggia l’anno concentrati prevalentemente tra maggio e ottobre, che sono anche i mesi più caldi con medie delle minime che raggiungono i +24°C tra luglio e agosto, e medie delle massime che arrivano toccare i +32°C ad agosto.

I mesi più secchi sono gennaio, febbraio e marzo, che sono anche i più freddi, con minime tra +18 e +19°C e massime tra +25 e +26°C.

I mesi consigliati per visitare le Bahamas sono proprio i mesi invernali, tra dicembre e aprile, perchè sono meno piovosi e non c’è il rischio uragani. Negli altri mesi piove moltissimo, quasi ogni giorno, e le temperature sono elevate con un alto tasso di umidità relativa che rende l’aria afosa e fastidiosa.

Nei mesi invernali, invece, le temperature sono gradevoli e il soleggiamento, molto intenso, contribuisce a rendere particolarmente mite l’atmosfera nonostante raramente si arriva a raggiungere i +30°C.
Nelle ore notturne fa fresco, ma basterà una felpa o un maglione per “proteggersi” da temperature appena sotto i +20°C.