Previsioni meteo: forti temporali in arrivo al nord a inizio giugno, caldo invece al sud

MeteoWeb
Grandi piogge previste nei primi 4 giorni di giugno su gran parte d'Europa!

Il terremoto che ha sconvolto l’Emilia in questi giorni certamente sta occupando molto più spazio nelle prime nostre pagine del giornale, ma dando uno sguardo alle condizioni meteorologiche che ci aspettano per i prossimi giorni, non possiamo evitare di soffermarci anche sulle previsioni meteo, anche importanti per le zone terremotate dove sono ancora in corso i soccorsi alla popolazione.
Il peggioramento di cui parliamo da giorni, previsto per l’inizio di giugno, è ormai confermato e possiamo già inquadrare la situazione per il medio termine che vedrà un deterioramento del tempo soprattutto al centro/nord e specialmente nella la fascia alpina e nelle aree del nord dove avremo temporali sia termoconvettivi, sia prefrontali e poi frontali soprattutto tra le giornate del 3 e 4 Giugno.

Infatti se dapprima il peggioramento avrà caratteristiche moderate con qualche temporale specie nelle ore centrali del giorno tra il Nord/Est e zone dell’alto adriatico tra giorno 1 e 2 Giugno, successivamente come detto ieri la percentuale d’ipotesi del modello americano GFS ha avuto ragione e come pensavamo noi  l’onda mobile ciclonica interesserà il nord con correnti umide da sud/ovest portando maltempo tra il 3 e 4 con un passaggio temporalesco anche intenso nella fascia alpina e zone limitrofe e localmente anche zone di Piemonte, alta lombardia, Veneto e Friuli.

Gli "spaghi" per Biella: in arrivo piogge torrenziali!

Per quanto riguarda le zone emiliane dovrebbe esserci un pò di variabilità tra 1 e 2 Giugno mentre qualche fenomeno potrebbe esserci soprattutto tra 3 e 5 Giugno anche se non dovrebbero verificarsi fenomeni intensi, quindi non c’è alcuna preoccupazione per le aree terremotate.

Il resto del centro/sud vedrà un passaggio di nubi alte ma senza fenomeni di rilievo tranne che nella giornata del 5 quando potrebbe leggermente peggiorare il tempo ma con fenomeni specialmente nelle aree tirreniche tra Toscana e Campania e alta Calabria con qualche temporale o rovescio.

Mentre diverso il discorso per le estreme zone del Sud tra Sicilia, Basilicata, Calabria e Puglia dove il tempo permarrà moderatamente caldo con rialzo termico e caldo estivo dal 4 Giugno e massime anche attorno ai 30°C nelle interne e assenza di fenomeni dove il flusso principale atlantico sarà troppo elevato per poter coinvolgere anche tali zone del Paese.

Tendenze lungo termine:

Confermiamo quanto detto nei precedenti bollettini, il gran caldo dovrebbe rimanere lontano con le sue isoterme infuocate pari  o superiori a 25°C a 850hpa, restando ancora confinato nel nord africa almeno per metà mese quindi l’alito rovente sahariano non dovrebbe manifestarsi alle nostre latitudini, mentre sarà più facile aver un miglioramento del tempo tra la fine della seconda decade e metà mese anche al nord, con il resto della Penisola sotto un clima caldo estivo in piena regola stagionale.