Previsioni Meteo: l’estate inizia male, forti temporali al centro/nord ai primi di giugno, poi instabilità per tutta la I^ decade

MeteoWeb

Ormai è certo, l’Estate meteorologica partirà con fresco e maltempo al centro/nord e anche se la fiondata artica con isoterme invernali resterà confinata oltr’alpe, l’onda ciclonica in discesa dalla Scandinavia sarà sufficiente per innescare un passaggio temporalesco ad iniziare dalle zone settentrionali del nostro Paese.

Al momento è assai probabile che il passaggio temporalesco organizzato si limiti ad interessare queste zone per arrivare alle zone peninsulari  mentre meno coinvolto potrebbe essere l’estremo Sud, dove l’azione ciclonica rimarrebbe troppo a Nord di latitudine per poter interessare anche le estreme Regioni meridionali.

Il passaggio tempolaresco potrà causare altre abbondanti piogge e temporali anche forti con locali grandinate specie durante le ore centrali del giorno dove ormai l’energia termoconvettiva in tale periodo è sufficiente per innescare grandi moti convettivi all’interno delle celle temporalesche e ne è stato un esempio in questi ultimi due giorni con addirittura temporali che sono sconfinati nelle pianure del centro/nord anche nelle ore notturne.

Tutto questo potrà accadere tra le giornate del 1 e 2 Giugno mentre poi il Mediterraneo centrale potrebbe vivere una fase un pò simile a quella che stiamo attraversando in questi giorni, dove la pressione non tenderà ad aumentare sensibilmente e si permarrebbe con dei geopotenziali non troppo alti, il che come sappiamo non è sinonimo di stabilità duratura con instabilità diurna a farla da padrone specie nelle zone alpine ed appenniniche fin verso la fine della 1°decade.

E poi cosa potrebbe accadere dopo entro la metà del mese?

Le analisi a lunghissimo raggio non sono certo affidabili e per questo ci basiamo solo su alcune considerazioni di stampo probabilistico e basate solo su indici teleconnettivi, i quali come scritto anche la scorsa volta, ci inducono a pensare che si permarrà in un classico tempo voltato ad un clima dolce, mite con caldo moderato ma lontani dalla calura estiva, quella portata dall’hp sub/tropicale per intenderci.

Infatti pare ancora probabile che l’Estate meteorologica, prima dell’ingresso di quella astronomica che scoccherà il 21 Giugno prossimo, si faccia spazio senza grossi sussulti infuocati i quali, di puro stampo pre/frontali potrebbero interessare l’Italia e non dover durar a lungo vista la permanenza di una anomalia termica nelle S.S.T. a largo della costa spagnola che scongiurerebbe al momento fin verso la metà del mese tutte le possibili velleità dell’alito infuocato africano.

Certamente l’Estate, come già detto, sarà capace di produrre ondate di calore dove in media in una classica stagione estiva se ne possono avere 3 o 4 di moderata/forte intensità e se dovessimo andar via fin verso la fine mensile senza dover incombere sotto grosse sofferenze calde sarebbe già un lusso visto il primo decennio passato degli anni 2000′ nel quale spesso le ondate di calore anche violente hanno interessato codesto mese, in primis su tutti il 2007 con i record stracciati al centro/sud.

Vedremo dunque se anche questo mese potrà risultare in media senza eccessi, dopo un Maggio spesso piovoso e fresco su molte zone del centro/nord, mentre al meridione e soprattutto la dove l’Autunno/Inverno 2011/2012 è stato molto piovoso (al Sud), la stagione primaverile in si sta rivelando in controtendenza avara di piogge significative come da dover ricompensar mesi e mesi di surplus pluviometrico.