Reportage fotografico: il lancio del pallone-sonda meteorologico dalla base di Pratica di Mare

    /
    MeteoWeb

    Un pallone sonda è un particolare “pallone” aerostatico che trascina in alta quota degli strumenti di misura meteorologici, con l’obiettivo di raccogliere ed inviare le misurazioni effettuate alle varie quote dell’atmosfera, dal suolo fino ai 18.000 metri di quota e a volte anche molto di più (il “record” dei lanci da Pratica di Mare spetta a un pallone sonda che ha “resistito” fino ai 39.000 metri altitudine). Il “pallone”, infatti, è gonfiato di gas elio e tende a diventare via via sempre più grande con l’aumentare della quota, fino a esplodere ricadendo al suolo. La sonda meteorologica è agganciata a un paracadute che ne determina una caduta dolce e leggera, per evitare conseguenze su cose o persone eventualmente nella traiettoria di “atterraggio”. Il materiale di sonda, pallone e paracadute sono totalmente biodegradabili, per non inquinare l’ambiente. La trasmissione dei dati meteorologici avviene tramite delle radiosonde, che sono particolari apparecchiature che sfruttano le onde radio per la trasmissione dei dati dal suolo fino alle altissime quote, anche a decine di migliaia di metri di distanza.
    Stamattina nella nostra visita al CNMCA dell’Aeronautica Militare di Pratica di Mare abbiamo assistito al lancio delle ore 13:00, che documentiamo con queste immagini: