Terremoto Emilia Romagna: gli indagati per il crollo dei capannoni sono una ventina

MeteoWeb

Sono saliti a una ventina gli indagati dalla Procura di Ferrara per il crollo dei capannoni, provocato dal terremoto di domenica mattina in Emilia, che ha causato la morte di quattro operai. Il procuratore Nicola Proto e il Pm Ciro Alberto Savino nel pomeriggio hanno iscritto un’altra decina di nomi relativi a’ crolli alla Ceramiche Sant’Agostino e alla fonderia Tecopress, entrambe nel comune di Sant’Agostino. In mattinata erano stati iscritti i primi nove nomi per il decesso di un operaio alla Ursa di Bondeno.