Allarme in Alaska, s’è risvegliato il vulcano Cleveland

MeteoWeb

Dopo avere dato segnali di irrequietezza per circa un anno, il vulcano Cleveland dell’Alaska ha cominciato la sua attività eruttiva, per il momento limitata a una nube di cenere ad un’altezza di 35.000 piedi, pari a circa 10 chilometri. L’Alaska Volcano Observatory (AVO) ha così innalzare il livello di allerta da giallo ad arancione. Situato a 940 miglia (1.500 km) a sud-ovest di Anchorage su una remota isola disabitata della catena delle Aleutine, la principale minaccia di Cleveland non è alla terra ma, soprattutto, agli aerei che passano per quella regione. La maggior parte dei velivoli che viaggiano tra Asia e Nord America e tra Asia ed Europa, si legge infatti su ecology.com, passa attraverso lo spazio aereo dell’Alaska, con circa 20.000 passeggeri al giorno. E la cenere vulcanica non solo riduce la visibilità, ma può interferire con la strumentazione di bordo e insieme ai gas vulcanici può causare la perdita di spinta dei motori.