Allerta Caldo: è imminente la prima fiammata calda dell’estate, ecco dove colpirà di più

    /
    MeteoWeb

    C’era chi non vedeva l’ora e chi, al contrario, sperava non arrivasse mai. Fatto sta che la prima forte ondata calda dell’estate sta arrivando e, a dispetto della tendenza di qualche settimana fa, lo sta facendo in anticipo, negli ultimi giorni della prima decade del mese di giugno, e quindi ormai tra poche ore. In alcune zone fa già molto caldo: oggi, ad esempio, Alghero ha toccato i +32°C mentre in Puglia sia Foggia che Taranto sono arrivate a +30°C. Caldo anche a Lecce, Olbia, Catania, Gioia del Colle, Guidonia, Capri e Capo Caccia, con +29°C, e a Forlì, Roma, Bologna, Firenze, Perugia, Reggio Calabria, Ferrara, Crotone e Latina con +28°C.
    Ma che il gran caldo stia arrivando ce lo dicono i +44°C di Algeri o i +46°C di Ouallene, sempre in Algeria, dove oggi Ouargla, Reggane e In Salah hanno raggiunto i +45°C. Molto caldo anche in Tunisia con +42°C a Remada e Tozeur, +40°C a Gafsa, Kairouan e Jendouba, +39°C a Gabes, +34°C a Tunisi. Sull’Italia stanno arrivando proprio dal nord Africa quelle masse d’aria così calde che tra domani e dopodomani, venerdì 8 e sabato 9 giugno, faranno impennare le temperature in modo molto significativo, proiettando gran parte del nostro Paese, dall’Emilia Romagna in giù, nel gran caldo estivo.
    I picchi di caldo più alti si toccheranno nelle zone interne della Puglia, dove Foggia dovrebbe arrivare fino a +38°C. Molte altre zone di Puglia, Calabria e Sardegna arriveranno a +36°C, soprattutto nel nord della Sardegna (Alghero, Sassari, Olbia) e nelle zone interne di Puglia e Calabria (Cosenza, Lecce…). Anche nel catanese non sono da escludere picchi così elevati. Farà molto caldo, però, anche nelle zone interne della Campania (a Benevento ci attendiamo +34°C), come in tutta la Sicilia (anche Trapani e Palermo dovrebbero arrivare a +34°C) e in Romagna, con picchi di +34°C tra Faenza e Forlì. Bologna, Rimini e Ferrara, invece, si dovrebbero fermare a +33°C, come Napoli, Salerno, Bari e molte altre località.
    Pescara, Ancona, Reggio Calabria e Messina invece dovrebbero raggiungere i +32°C mentre Roma, Cagliari, Crotone, Perugia e L’Aquila dovrebbero arrivare a +31°C e Firenze, Avellino, Grosseto e Catanzaro a +30°C.
    Solo al nord non farà caldo, anzi, il tempo sarà molto più fresco e instabile. In Liguria, Lombardia, Veneto e Friuli difficilmente si supereranno i +25°C e addirittura tra Piemonte, Valle d’Aosta e Trentino le massime si fermeranno a +21/+22°C. Il tempo sarà perturbato, con temporali anche forti, venerdì al nord/ovest e sabato al nord/est. La prossima settimana, poi, arriverà ancora più fresco e maltempo al centro/nord, mentre al sud continuerà a far caldo seppur con temperature più basse rispetto a quelle di venerdì e sabato, in quanto da domenica inizieranno gradualmente a diminuire tornando nella normalità. Inoltre su molte zone del Paese avremo nubi e qualche debole rovescio in estensione dal nord al centro.
    Intanto, come il nord Italia, anche l’Europa centro/settentrionale non avvertirà questa prima avvezione nord Asfricana della stagione. A Dublino oggi non si è andati oltre i +13°C, ma anche Londra s’è fermata a +17°C e Parigi a +22°C. Nei prossimi giorni in queste zone ci sarà ancora fresco e instabilità. Ma non sull’Italia, dove l’estate vuole iniziare subito a fare sul serio…