Clima: nel miocene l’Antartide era caldo e pieno di alberi

MeteoWeb

Nel Miocene l’Antartide era una regione molto calda e umida, in cui cresceva una fitta vegetazione. Lo sostiene uno studio di un team congiunto di ricercatori della University of Southern California di Los Angeles e del Jet Propulsion Laboratory della Nasa, pubblicato sulla rivista ‘Nature Geoscience’. La temperatura estiva al largo della costa antartica tra i 15 e i 20 milioni di fa era di 11 gradi piu’ alta di oggi, con temperature che raggiungevano i 7 gradi centigradi. Anche i livelli di precipitazioni erano molto piu’ alti di oggi. Questo differente clima rendeva possibile una vegetazione abbastanza fitta, fatta anche di piccoli alberi. L’idea di studiarlo e’ venuta a Sophie Warny, professore assistente all’LSU, dopo aver trovato grandi quantita’ di pollini e alghe nei campioni di sedimenti trovati in Antartide. Fossili di vita vegetale sono molto difficili da recuperare a causa del movimento delle lastre di ghiaccio. “L’obiettivo finale dello studio era quello di capire meglio cio’ che il futuro del cambiamento climatico puo’ provocare – ha detto Sarah J. Feakins, assistente di scienze della terra della USC – come la storia ci insegna tanto sul futuro, cosi’ anche il clima del passato”. Inoltre, secondo i ricercatori, le temperature piu’ calde del Miocene medio erano associate a livelli di anidride carbonica di circa 400-600 parti per milione (ppm). Nel 2012, i livelli sono arrivati a 393 ppm, i piu’ alti degli ultimi milioni di anni. Al ritmo attuale di crescita, potrebbero presto raggiungere quelli del Miocene medio.