E’ di un gambero il pugno più forte del regno animale!

MeteoWeb

Sono dei crostacei colorati gli animali con il pugno piu’ forte in proporzione alle loro dimensioni. I gamberi della specie Odontodactylus scyllarus, detti anche gamberi pavone per la loro colorazione, assomigliano alle cicale o canocchie che si trovano sui comuni banchi della pescheria. Tuttavia, hanno delle chele a forma di martello capaci di colpire le loro prede con un’accelerazione pari a quella di un proiettile calibro 0.22. Ora una nuova ricerca pubblicata su Science rivela i segreti molecolari di queste fortissimi appendici. “Cio’ che rende le chele di questi gamberi cosi’ eccezionali e’ che sono rigide oltre che essere resistenti, di solito due elementi che nelle scienze dei materiali non si trovano mai contemporaneamente” ha spiegato l’autore dello studio, David Kisailus dell’University of California, Riverside. Lo scienziato statunitense ha studiato la composizione molecolare delle chele. “La regione d’impatto presenta idrossiapatite, minerale noto per dare la durezza nelle ossa umane. La parte immediatamente inferiore presenta invece del chitosano, una molecola che offre resistenza alla cuticola dei crostacei, disposto in varii orientamenti in modo da distribuire l’impatto. Infine, la parte terminale e’ costituita da strati di riforzo che impediscono la formazione di crepe, come delle bande attorno ai pugni dei pugili” ha spiegato Kisailus. “Questa combinazione conferisce all’Odontodactylus la capacita’ di scagliare pugni a 23 metri al secondo con una forza di 91 chi li, nonostante questi gamberi non siano piu’ lunghi di 10 centimetri. Non per nulla i pescatori li hanno soprannominati ‘spezza-pollici'”.