Emergenza caldo nelle tendopoli dell’Emilia, temperature vicine ai +40°C!

MeteoWeb

E’ allarme caldo nelle tendopoli in Emilia Romagna. Le temperature record che si stanno registrando in queste ore rendono impossibile la permanenza nelle tende agli sfollati che da oltre un mese sono costretti a vivere nelle tende, lontani dalle proprie abitazioni a causa del terremoto. Anziani e bambini sono le categorie piu’ a rischio ma la situazione piu’ complicata riguarda i campi non censiti, dove si concentra l’attivita’ di molti volontari. Come spiega all’Adnkronos, un volontario dell’associazione ‘Salamandra’, la priorita’ in queste ore e’ rifornire di acqua e cibo gli sfollati. “La situazione e’ drammatica – dice Pietro Casasanta – vivere per giorni e giorni in una tenda, con questo caldo, e’ terribile ma l’allarme maggiore e’ per chi vive nei campi non censiti, dove gli aiuti delle istituzioni non arrivano. Per questo stiamo cercando di aiutarli portando in quei campi soprattutto acqua e cibo. Abbiamo fatto una sorta di mappa dei campi non censiti: sono compresi tra i 40 e i 60. La preoccupazione maggiore e’ per gli anziani e i bambini”. Intanto nei prossimi giorni i malati di Alzheimer dovrebbero iniziare a rientrare nell’Azienda pubblica di servizi alla persona dei Comuni modenesi area nord di Mirandola. “Abbiamo ricevuto una richiesta di aiuto dalla struttura di Mirandola per i malati di Alzheimer – spiega Casasanta – Quattro o sei volontari si alterneranno nella struttura per i primi tempi e cercheranno di supportare il personale soprattutto nelle fasi di rientro dei malati”.